Digiunare per purificarsi

Internetbookshop.itLa moda del digiuno disintossicante si sta spandendo in giro per l'Europa. Qualche tempo fa leggevo su Elle France le testimonianze di quattro donne che periodicamente si rifugiano in cliniche esclusive per "pulire il loro corpo". E i "soggiorni benessere" di questo tipo si moltiplicano anche in Italia.

A guardarla da fuori, l'idea di pagare migliaia di euro per non mangiare può sembrare assurda, ma sembra che il digiuno controllato, se fatto nel modo corretto, sia in realtà una pratica molto sana, nonché antica.

Alcuni arrivano fino a sostenere che digiunare periodicamente aiuti il corpo a difendersi dai tumori. Senza spingerci fino a qui, ci limitiamo a notare che c'è chi accompagna i giorni di digiuno con lunghe marce a piedi, per ripulire il corpo dalle tossine ai massimi livelli, oppure chi si dedica intensamente allo yoga.


Secondo le testimonianze di chi si sottopone a questa pratica, i primi giorni sono quelli più duri. Il corpo infatti, non accetta la privazione dal cibo e lo manifesta con forti mal di testa e crampi alla pancia. Gli esperti paragonano l'astinenza da cibo alle altre esperienze - generalmente dolorose - di disintossicazione da sostanze che danno dipendenza.

I risultati sarebbero però talmente appaganti far dimenticare il calvario subìto. In pratica si esce da questi soggiorni ripuliti, con una digestione migliore, una pelle più luminosa e soprattutto alcuni chili di grasso e tossine in meno.

  • shares
  • Mail