Replay apre il nuovo Flagship Store: un ambiente rigenerato e rigenerante nel cuore di Milano

Ha aperto il Flagship Store Replay di Corso Vittorio Emanuele, 800 mq in pieno centro, a pochi passi dal Duomo. Situato in una zona dove la relazione tra storia, architettura e contemporaneità è molto complessa, lo spazio è stato progettato secondo il nuovo concept Replay: all’insegna dell’emozione e del ritrovato rapporto con la natura. Il

Ha aperto il Flagship Store Replay di Corso Vittorio Emanuele, 800 mq in pieno centro, a pochi passi dal Duomo. Situato in una zona dove la relazione tra storia, architettura e contemporaneità è molto complessa, lo spazio è stato progettato secondo il nuovo concept Replay: all'insegna dell'emozione e del ritrovato rapporto con la natura.

Il nuovo concept, già  sperimentato con successo nel Replay Store di Piazza Duomo a Firenze, a Milano viene ulteriormente enfatizzato. I principi ispiratori sono i medesimi, ma le specifiche tecniche si adattano al contesto, lasciando parlare il luogo: la ricerca dell'emozione è l'elemento fondante del progetto, frutto di una profonda identità di vedute fra il design team dello Studio 10 e la Fashion Box

REPLAY%20Store%20Milano%202010_b.JPG

Il nuovo Replay Store è un luogo emozionante, nato dalla consapevolezza del bisogno diffuso di tornare a stupirsi, di poter sperimentare anche in città un luogo rigenerante dove la natura ed i suoi fragili equilibri si riappropriano dell'ambiente antropizzato consentendo una sosta mentale e fisica nello spazio urbano.

Si è scelto di  svuotare parte del negozio per creare un'area verde, uno spazio vasto che accolga la gente che cammina per il corso, che le dia riparo e le offra una sosta temporanea. In un mercato che impone di esporre quanto più prodotto possibile, Replay si pone controcorrente proponendo una soluzione concettualmente nuova. 

Muro verde, muro d'acqua, muro di legno e muro di ferro sono elementi caratterizzanti. Per accedere al negozio si attraversa un giardino pensile percorrendo una passerella sospesa. Gli elementi che circondano il visitatore appena entrato, infatti, sono monumentali pareti di piante alte undici metri  e una cascata d'acqua.

L'interno evoca spazi dell'archeologia industriale dove il legno e il ferro, materiali naturali, sono trasformati da un sapiente lavoro umano. I prodotti sono esposti su librerie alte oltre sei metri, il pavimento cambia tessitura a seconda dello spazio come in un percorso urbano e la luce naturale arriva anche al piano interrato che diventa così uno spazio naturalmente vitale. 

Il nuovo spazio verrà inaugurato ufficialmente il 15 aprile, durante il Salone Internazionale del Mobile , con una speciale installazione del gruppo artistico El Ultimo Grito organizzata in collaborazione con la Fondazione Claudio Buziol.