Decoupage per tutti i gusti

Sono un'appassionata e forsennata decoratrice a decoupage, talmente forsennata che arrivo a decoupare praticamente di tutto, quando dico di tutto intendo: caffettiere, candelabri, borse, saponette, t-shirt, tende ecc...

Uno dei primi progetti che ho affrontato è stato un piatto di vetro decorato con la tecnica del decoupage sottovetro, che qui è spiegata passo per passo per chi volesse cimentarsi.

Il decoupage nasce in Francia nel XVII secolo come arte decorativa e consiste - in parole molto ma molto povere - nel decorare oggetti applicando delle immagini ritagliate dalla carta o da tovaglioli decorati, e poi laccare il tutto con della vernice trasparente.

Le varianti all'interno del decoupage sono tante (classico, pittorico, craquelè, 3d, sospeso trasparente, cloisonnè, lamina a sbalzo...) e in continuo aumento, grazie a nuovi prodotti e materiali che permettono applicazioni diverse, e soprattutto grazie alla creatività delle sue praticanti che tramite internet o sulle riviste del settore diffondono tecniche nuove.

Una volta su una rivista ho visto un vassoio con delle rose su uno sfondo a craquelè (ovvero screpolato) fatto con... gusci d'uovo! Ebbene si, vanno bolliti in acqua e aceto e poi sminuzzati per fare da fondo all'applicazione del decoro.

Per me da quel giorno fare una frittata non è stata più la solita cosa, forse da oggi anche per voi, donna avvisata...

  • shares
  • Mail