Henry Cotton’s: eleganza ed ever green a Pitti Uomo 78

Henry Cotton’s presenta a Pitti Uomo 78 le nuove proposte della collezione spring – summer 2011 due sono i motivi d’ispirazione della collezione, il primo è la celebre serie “Attenti a quei due”, in cui le due icone, Roger Moore e Tony Curtis incarnano perfettamente lo spirito del brand. Il primo, nobile inglese dai modi

rsz_hc_uomo_alta.jpg

Henry Cotton's presenta a Pitti Uomo 78 le nuove proposte della collezione spring – summer 2011 due sono i motivi d'ispirazione della collezione, il primo è la celebre serie "Attenti a quei due", in cui le due icone, Roger Moore e Tony Curtis incarnano perfettamente lo spirito del brand.

Il primo, nobile inglese dai modi gentili e aristocratici, rispolvera il guardaroba della tradizione britannica: dal trench in nylon ai pratici blazer blu di cotone foderati con i migliori tessuti da camiceria. Il classico blazer riproposto in tessuto tecnico viene arricchito da uno speciale effetto "memory" grazie al quale il capo ottiene un effetto used-chic. La maglieria, accanto al tricot in cachemire-cotone, e il piquet stretch offre una valida alternativa alla classica camicia. Per i pantaloni, linee slim e scelta di tessuti morbidi e confortevoli.

L'americano Tony Curtis sfoggia, invece, uno stile easy chic, caratterizzato dalla praticità tipica della sua madre patria. I tessuti comfort, lavati e trattati in capo per ottenere un aspetto vissuto, vengono poi rigorosamente stirati, nel rispetto di quell'eleganza a cui un vero dandy non vuol mai rinunciare. I colori classici, blu e marrone, vengono spezzati da cenni estivi di acqua marina e rosa. Relaxed style è la sintesi di questa proposta. 

Il secondo motivo d'ispirazione della collezione è Bruce Chatwin da sempre considerato l'icona del viaggiatore moderno: il suo guardaroba sta nello spazio di uno zaino pur mantenendo il gusto del buon vestire.

Per viaggiare bene è  importante stare comodi e asciutti, così il guardaroba militare viene rivisitato con materiali moderni e leggeri come i nylon light e i cotoni cerati. I parka riparano dalla pioggia i blazer destrutturati e lavati, nel giusto mix tra tayloring style e sportswear.

Il cargo pants è rinnovato da una nuova tecnica di confezione delle tasche che, montate dall'interno, riducono l'ingombro senza perdere lo spazio necessario per stivare oggetti. Le camicie, rigorosamente check, sono relizzate su un fondo chiaro in cotone grezzo, così da smorzare e fondere in un'amalgama delicata anche i colori più brillanti, che troviamo invece protagonisti nelle polo piquet a ravvivare le cromie neutre dei militari e dei beige. La maglieria tricot si adegua con tinture effetto "used".

La tavolozza cromatica va dal verde militare al blu indaco, schiarito fino ai toni del lilla. Gusto outdoor che diventa stile di vita anche per il dandy metropolitano.