Quando a chiedere le pari opportunità è lui: voglio fare il Signorino Buonasera!

Non ha un attimo di pace la neo Ministra per le Pari Opportunità Mara Carfagna. Dopo le polemiche per il Gay Pride, eccola alle prese con l'appello rivoltole da Massimiliano Cordeddu, 32enne aspirante annunciatore televisivo, che dopo aver lavorato per l'emittente Sky, è rimasto disoccupato ed ha cercato di partecipare alle selezioni alla RAI per poter lavorare come annunciatore televisivo, cosa che gli è stata negata, in quanto uomo. E ora lui ha intrapreso una battaglia per poter essere un "Signorino Buonasera".

La prego, signora ministro, lei che ha lavorato in Rai e può capire il mio sogno, mi dia una possibilità. Anzi, una pari opportunità. Interceda per me e dimostri che diventare “signorino buonasera” non è impossibile

Fa sorridere certo che ai giorni nostri un uomo si batta per poter fare l'annunciatore, ruolo che siamo stati sempre abituati a veder assegnare alle donne. Non esiste alcuna regola scritta che imponga una presenza femminile a sciorinarci i programmi della serata, come non esiste una regola opposta nei mestieri che da sempre sono dominati dagli uomini. Ma l'intrepido aspirante annunciatore non vede altro che il suo obiettivo e farà di tutto per perseguirlo.

C'è chi dice che Mister Cordeddu farebbe bene a riservare il suo spirito battagliero per altre cose ben più importanti, ma in fondo chi siamo noi per poter negare a chiunque il suo posto nel mondo dello spettacolo? Anzi, proporrei dopo questo una petizione popolare, rivolta alla sempre cara Ministra Carfagna, per aprire le selezioni per i posti di segretarie anche ai maschi, sempre di bella presenza ovviamente, tanto per rimanere in tema discriminazione.Cosa ne pensate? Fa bene l'aspirante annunciatore sardo a battersi per conquistare il suo posto in prima linea?

A tal proposito vi propongo un piccolo sondaggio:

  • shares
  • Mail