Come combattere il calo del desiderio femminile e stare bene con il tuo partner


Il calo del desiderio femminile è un problema molto comune e nella maggior parte dei casi è dovuto a stati di stress e di affaticamento psicologico, alla perdita di armonia nella coppia e a volte è collegato all’arrivo di un bambino, che può davvero scombussolare l’intimità di una relazione, o all’uso di contraccettivi orali. Non ci sono solo queste cause, ovviamente, possiamo dire che sono quelle più comuni e purtroppo colpiscono trasversalmente le donne di tutte le età.

Avere una vita affettiva deludente è abbastanza frustrante per entrambi i partner e alla lunga può mettere a rischio la serenità della coppia. È molto importante quindi evitare di minimizzare il problema o, peggio, fingere che non esista. Se esiste uno stato di insoddisfazione per affrontarlo realmente dovete parlarne con il partner. Ammettere la questione e confrontarsi con il proprio compagno è il primo passo verso l’armonia.

La seconda cosa poi da fare è cercare di capire la causa del problema. Se è una questione derivante dalla vita troppo stressante, dalla mancanza di tempo e dalla fatica, la cosa migliore che potete fare è cercare di dare un ritmo diverso alla vostra quotidianità. In che modo? Ritagliandovi degli spazi di coppia: per esempio una sera a settimana solo per voi due, un weekend al mese lontano da tutti e poi datevi delle regole. Dopo cena spegnete pc e cellulare e magari rinunciate al film che vi piace tanto.

Se invece il problema è l’armonia di coppia (attenzione che la causa non sia invece la conseguenza) potreste chiedere una consulenza a uno psicologo e fare un po’ di terapia di coppia. Per quanto riguarda, i problemi fisici della donna (sbalzi ormonali, assunzioni di farmaci o crisi post partum), c’è il ginecologo. Fissate una visita e verificate con il dottore la natura del vostro malessere, potrebbe darvi una piccola terapia ormonale o spiegarvi la dinamica della gravidanza, per sbloccare il problema.

  • shares
  • Mail