Lingua bianca, quali sono le cause e quando preoccuparsi

A volte capita che la nostra lingua appaia di un colore diverso dal solito e, invece che di un bel rosso o rosa vivo, risulti di colore bianco. Tale manifestazione è simbolo di qualcosa che non va e del fatto che in questa maniera siamo messi in allerta rispetto al nostro stato di salute.

Nulla di preoccupante, certo, ma è bene capire quali sono le cause, come correre ai ripari per risolvere il problema e, quando necessario, trovare il giusto metodo per risolvere questo problema che non è naturalmente solo antiestetico. Le cause possono essere molteplici e l’entità di tale disfunzione può essere più o meno grave in relazione ai fattori che l’hanno scatenata.

Innanzi tutto è bene sapere che la lingua bianca è sintomo di un’infiammazione delle papille gustative. La patina bianca che si forma sulla superficie della nostra lingua e le dà un colore diverso da quello solito, è un "deposito" di detriti, batteri e cellule morte che si annidano e trovano terreno fertile tra le papille infiammate.

Alla base dell’infiammazione delle papille, responsabile della lingua bianca, ci sono diverse cause:


    la disidratazione;
    la bocca troppo secca;
    l’abuso di alcolici e superalcolici;
    febbre;
    fumo;
    assunzione di farmaci (controllate tra gli effetti collaterali se seguite terapie farmacologiche).

La lingua bianca può anche essere il sintomo di altre malattie, come accade, per esempio, in caso di patologie epatiche o intestinali, in questo caso, quindi, le cause possono essere diverse da quelle già elencate:


    - Alimentazione: un’alimentazione ricca di grassi e colesterolo (farinacei, latticini, formaggi) o di zuccheri favorisce la creazione di squilibri della flora batterica e, di conseguenza, la proliferazione di muco, che si deposita sulla lingua. Al contrario, anche una dieta restrittiva può essere causa di lingua bianca perché congestiona la digestione, con conseguente ristagno di muco nell’apparato digerente (e quindi anche sulla lingua).
    - Secchezza del cavo orale: se lo strato mucoso che riveste le pareti del cavo orale è scarso, il cavo orale diventerà secco, provocando lo sfaldamento delle cellule da cui è composto. I residui di cellule morte prodotte si depositano sulla lingua, formando uno strato di patina bianca. La secchezza del cavo orale può essere causata da assunzione di particolari farmaci, da scarsa idratazione e dall’abitudine di respirare con la bocca aperta.
    - Cattiva igiene orale: una scarsa o scorretta igiene orale è causa di formazione di placca batterica, che si deposita sulla lingua.
    - Micosi: il mughetto altera la produzione di flora batterica e presenta, fra i suoi sintomi, la lingua bianca.
    - Stress: in condizioni di stress le ghiandole surrenali producono livelli più alti di adrenalina. L’aumento dell’adrenalina produce modifiche nella composizione del sudore e della saliva, favorendo la produzione della patina bianca.
    - Patologie epatiche e intestinali: malattie come la cirrosi epatica, la gastrite, il diabete mellito, le epatiti, la cattiva digestione, le intolleranze alimentari e tutte le altre malattie più o meno gravi che coinvolgono fegato e intestino influiscono sul funzionamento dell’apparato digerente. La lingua bianca rappresenta uno degli indici di questo malfunzionamento.

Per quanto riguarda le cure necessarie, ovviamente è bene rendersi conto qual è stata la causa scatenante del problema e intervenire solo dopo averla appurata. Se il problema è alimentare, è sufficiente seguire una dieta equilibrata, a base di pietanze cucinate con pochi grassi e ricca di frutta e verdura; le scorie vegetali, in particolare, producono un effetto abrasivo sulla lingua, facilitandone la pulizia.

Se il problema della lingua bianca è causato da una scorretta igiene orale, può essere risolto semplicemente mettendo in pratica le giuste regole per la pulizia del cavo orale: il corretto uso dello spazzolino, pulizia quotidiana, costante e accurata, utilizzo di filo interdentale e collutorio.

Se, ancora, la lingua bianca è legata a disturbi di tipo epatico e intestinale, l’unico modo per eliminare il problema è quello di curare la malattia specifica. Il mughetto ad esempio, che rende la lingua bianca, si cura con antimicotici come il fluconazolo o l’itraconazolo.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail