Mater semper certa est...in aumento i test di paternità

Brooke Forrester docet. In una 'esima' puntata di Beautiful fu lei a sdoganare per la prima volta in Italia il "test del DNA" per la paternità. La procace Brooke, che non perdeva occasione di accoppiarsi con ogni ominide nei paraggi, aveva dubbi su chi di casa Forrester - maestranze comprese - fosse il padre della sua figliolanza. Ai tempi (10 anni fa) era roba da soap-opera americana, tutt'al più da telenovela argentina ma in ogni caso lontana dalla realtà al di quà dello schermo.

Cambio di tendenza perchè oggi le richiesta di test di paternità/DNA sono in vertiginoso aumento da due anni a questa parte: sempre più donne (mogli soprattutto) richiedono il test di paternità per accertarsi che il padre dei propri figli sia il marito/compagno e non l'amante (o gli amanti?).

Il dr. Francesco Fiorentino, direttore del laboratorio Genoma sottolinea che:

"L'elevata richiesta da parte dell'utenza e' cresciuta in modo esponenziale grazie alle nuove tecnologie e conoscenze ma anche grazie al business, alla pubblicita' e sicuramente ad atteggiamenti di coppia piu' liberi"

Quale di questi fattori secondo voi ha influito maggiormante sulla richiesta crescente di questi test? Oltre a quelli citati dal direttore ce ne sono altri? Forse l'incontenibile voglia di controllo che le donne, oggi più che mai, vogliono avere sulla propria vita? Il pretendere la certezza scientifica dei fatti è frutto del progresso scientifico o di un cambiamento sociale della donna e delle sue aspettative?

  • shares
  • Mail