Come usare il succo di limone per eliminare il calcare del bagno

Il calcare è uno dei nemici peggiori della rubinetteria del bagno. Ma come eliminarlo senza usare prodotti chimici? Il succo di limone viene in nostro soccorso

Il succo di limone, oltre ai grandi benefici che porta alla nostra salute, è anche un ottimo alleato nelle pulizie domestiche, aiutandoci a igienizzare e smacchiare molte superfici di casa. Proprio a tal proposito, il limone è un rimedio molto efficace per eliminare il calcare dalla rubinetteria del bagno, rendendo manopole e miscelatori puliti e splendenti.

E in effetti, limitare ad una volta ogni tanto i detergenti chimici, preferendo invece l’utilizzo di prodotti naturali, fa bene all’ambiente, alla nostra salute (i vapori che emanano i comuni solventi sono irritanti per le mucose), al portafogli e anche ai rivestimenti di casa, su cui bisogna evitare pulizie troppo aggressive che col tempo potrebbero alterarne il colore.

Detto fatto, cosa ci serve per far brillare vasca, doccia, lavandino e bidet, liberandoci in poco tempo e con un costo irrisorio del temutissimo calcare? Un limone succoso, da tagliare in due parti e da utilizzare come una spugnetta sulle superfici da smacchiare.

Prendiamo una metà del frutto e strofiniamo con cura sulla rubinetteria in acciaio, insistendo di più nelle zone dove sono maggiormente evidenti gli aloni calcarei. Lasciamo che il succo di limone agisca per un minuto circa e poi risciacquiamo con acqua demineralizzata tiepida, ripetendo l’operazione se necessario.

E se le incrostazioni fossero più tignose del previsto? Versiamo un cucchiaio di bicarbonato sulle macchie e spruzziamo sopra un po’ di succo fino a che il composto non frizza. Lasciamo agire per una decina di minuti e poi laviamo via con la semplice acqua di rubinetto. Alla fine le superfici saranno pulite e disinfettate in modo naturale e il calcare sarà solo un brutto ricordo.

Foto | da Flickr di PhotoAtelier