Il fotoromanzo fashion: la nuova collezione di “La Petite Robe di Chiara Boni”

Il fotoromanzo – è questo il mezzo scelto dalla stilista Chiara Boni per presentare la collezione autunno – inverno 2011/2012 de “La Petite Robe di Chiara Boni“. Un progetto nato dalla voglia di far vivere la tradizione italiana rieditandola in chiave moderna. Un’idea realizzata in collaborazione con Gian Battista Canova e gli studenti dell’Università Iulm

CHIARA BONI La Petite Robe (2).jpg

Il fotoromanzo – è questo il mezzo scelto dalla stilista Chiara Boni per presentare la collezione autunno – inverno 2011/2012 de “La Petite Robe di Chiara Boni“. Un progetto nato dalla voglia di far vivere la tradizione italiana rieditandola in chiave moderna. Un’idea realizzata in collaborazione con Gian Battista Canova e gli studenti dell’Università Iulm di Milano per far rivivere un oggetto mediatico che ha fatto sognare generazioni di ragazze.

Gli abiti si animano, viene data loro voce attraverso il racconto di una storia d’amore tra una fotografa e un inviato speciale, interpretata da ragazze “normali” lontane dagli stereotipi delle modelle. New York, Tokyo, Hong Kong e Londra, un mood internazionale e metropolitano ha ispirato la collezione La Petite Robe di Chiara Boni dell’autunno inverno 2011/2012.

CHIARA BONI La Petite Robe (3).jpg

Il classico sensitive, il confortevole tessuto che trasforma sensualità in praticità, è sempre il protagonista indiscusso e viene sapientemente accostato in maniera innovativa al pile e al jersey di lana. Una collezione “formal” con abiti dalle linee pulite adatti a donne contemporanee che amano e ricercano vestiti che siano allo stesso tempo eleganti e funzionali, comodi e versatili da poter indossare in qualsiasi occasione.

Chiara Boni e le protagoniste del fotoromanzo.jpg Cinzia Morena, Arianna Alessi, Maurizio Germanetti.jpg Francesca Bolsi, Jonella Ligresti, Chiara Boni, Giovanni Terzi, Alessandra Fornesi.jpg Gabriella Dompé, Umberta Gussalli Beretta.jpg Giulia Molteni.jpg Lella Fantoni, Caterina Caselli.jpg Mario Boselli, Maurizio Germanetti, Chiara Boni.jpg Noris Morano, Claudio Costamagna.jpg

Novità gli abitini spezzati a vita alta bicolori, nero e bianco oppure taupe e lilla, perfetti per un look da giorno mentre gli irrinunciabili tubini che contraddistinguono il marchio sono proposti in nero e in grigio scuro abbinando il tessuto sensitive al jersey di lana.

Chiara Boni, Diletta Ferruzzi.jpg Diletta Ferruzzi, Luca Rossi.jpg Diletta Ferruzzi, Maurizio Germanetti.jpg Federico Castelbarco, Anna Siccardi.jpg Francesca Bolsi, Jonella Ligresti, Alessandra Fornesi.jpg Francesco Martini, Umberto Radice.jpg Maria Luisa Agnese, Madelyn Renée Serravalle.jpg Mario Boselli, Maurizio Germanetti.jpg Maurizio Germanetti, Alessandra Fornesi, Giovanni Terzi.jpg Maurizio Germanetti, Anna Preto.jpg Maurizio Germanetti, Diletta Ferruzzi, Sergio Germanetti.jpg Maurizio Germanetti, Valentina Melis.jpg Stella Pende.jpg Patrizia D'Asburgo.jpg

Per la sera le linee diventano più audaci e i colori fluo sempre seguendo il file rouge del bon ton. Scolli che lasciano intravedere la sensualità femminile, orli tagliati a vivo dal giallo lime al bluette passando per il fucsia. Importanti i particolari come le frange, gli intrecci e le rouches. L’ormai classico spolverino estivo a taglio vivo diventa un cappotto avvolgente e caldo grazie alla fodera nel tessuto tecnico in pile.