Perrier-Jouët celebra il suo duecentesimo anniversario a Parigi, presentando il primo champagne “Living Legacy” del mondo

La casa produttrice di champagne Perrier-Jouët ha celebrato i suoi due secoli di storia presentando “Bi-Centenaire“, il primo champagne “living legacy“, un’eredità vivente da tramandare alle generazioni future.Un gruppo esclusivo di ospiti è stato invitato all’inaugurazione di una nuova esperienza nel campo dello champagne, offerta dalla casa vinicola rinomata in tutto il mondo per il

La casa produttrice di champagne Perrier-Jouët ha celebrato i suoi due secoli di storia presentando “Bi-Centenaire“, il primo champagne “living legacy“, un’eredità vivente da tramandare alle generazioni future.

Un gruppo esclusivo di ospiti è stato invitato all’inaugurazione di una nuova esperienza nel campo dello champagne, offerta dalla casa vinicola rinomata in tutto il mondo per il suo Cuvee Belle Epoque. Agli ospiti è stata offerta anche l’opportunità di assistere alla presentazione di una nuova opera d’arte, commissionata all’artista americano Daniel Arsham e concepita per incarnare lo spirito di Bi-Centenaire, un vero e proprio invito a celebrare la vita.

Il Bi-Centenaire di Perrier-Jouët racconta l’imprevista vicenda di una grande annata con due storie. La prima è ambientata ai giorni nostri: un amante dello champagne si regala una magnum di Belle Epoque Perrier-Jouët 1998. Alcuni anni più tardi, un suo discendente si gusta a sua volta una magnum di Belle Epoque 1998, tramandata di generazione in generazione, conservata preziosamente in una cantina privata di Perrier-Jouët, per un periodo che può arrivare a 100 anni.

Per realizzare questa elegante sfida contro il tempo, l’annata è stata scelta con cura per la sua eccezionale capacità d’invecchiamento. Se ne è occupato il Maestro di Cantina Herve Deschamps, il settimo maestro di cantina nei duecento anni di storia della casa vinicola.

Soltanto duecento ospiti provenienti da dieci paesi hanno preso parte al pranzo riservato, che ha avuto luogo nel magnifico cortile di vetro della leggendaria Ecoledes Beaux Arts di Parigi, un simbolo dell’appassionato spirito della famiglia Perrier-Jouët per la trasmissione della perizia artigianale e artistica.

48887-hi-anouchkaalaindelon (Large).jpg 48887-hi-jaggerhall (Large).jpg

Gli ospiti hanno potuto godere di una mostra unica di ritratti fotografici del leggendario Studio Harcourt, nei quali erano rappresentati altri esempi di eredità famigliari straordinarie, tra cui le star del cinema francese Alain Delon e la figlia Anouchka, la modella e attrice americana Jerry Hall e sua figlia Georgia May Jagger, Catherine Deneuve e il figlio Christina Vadim, l’artista francese Jean-Charles de Castelbajac e il figlio Louis-Marie e moltissimi altri ospiti.

È seguita una fastosa cena celebrativa, orchestrata dal famoso chef francese Jean-Louis Nomicos, che ha reinterpretato in modo superbo il menù del Centenario di Perrier-Jouëtdel 1911, con il suo mentore Alain Ducasse;si è trattato in questo caso di un simbolo di eredità gastronomica, accompagnata da Cuvees Belle Epoque Perrier-Jouët, tra cui l’eccezionale Cuvee Belle Epoque 1998 in bottiglia magnum.

img_hd_sculpture_01_Perrier-JouetBicentenary_ZoomPackRP_Copyright_ThomasDuval (Large).jpg img_hd_sculpture_02_Perrier-JouetBicentenary_Life-journal_Copyright_ThomasDuval (Large).jpg

Nel suo intervento durante la serata, il Presidente e CEO di Martell Mumm Perrier-Jouët, Lionel Breton, ha commentato: “Siamo molto orgogliosi di celebrare questa sera il bicentenario di Perrier-Jouët con questa esperienza unica dello champagne, quale genuino omaggio alla straordinaria maestria artigianale della casa e alla sua passione nel tramandare il senso della ‘art de vivre’ francese alle generazioni future“.

La serata si è conclusa con lo scoprimento della scultura di Daniel Arsham, un eccezionale dittico che lascia intravedere le bottiglie attraverso un’architettura originale e caratteristica, concepita per esprimere la filosofia di questo champagne. “Era lo spirito della continuità di Perrier-Jouët che volevo illustrare, creando un dittico che combinasse l’essenza di Perrier-Jouët e il mio universo“, ha detto Daniel Arsham. “L’ispirazione iniziale è venuta dalle viti e dalle cantine di Perrier-Jouët, il dettaglio dall’anemone di Emile Gallé.

Il Bi-Centenaire di Perrier-Jouët è disponibile in quantità estremamente limitate (solo 100 pezzi) presso la boutique della casa produttrice a Epernay e soltanto previo appuntamento, l’offerta include un’esperienza di ospitalità unica.