1299087627_145_3282 (Large).jpg

(es)* Artisanal riporta armonia nel caos: innalza la bellezza alla purezza siderale, mobilitando le energie dell’Es. I tessuti si riappropriano dell’identità del corpo femminile. L’uso della pelle evoca il vestimento primordiale, nell’ambito di una ricerca che punta all’innovazione, senza voler sbalordire.

1299087604_145_3280 (Large).jpg 1299087642_145_3284 (Large).jpg

L’obiettivo è individuare i temi e i motivi più idonei a comunicare la donna come archetipo primigenio di bellezza, principio primo di armonia delle forme. Ecco allora che l’abito diventa cerniera tra il corpo e lo spirito, veicolo di osmosi tra l’interno e l’esterno, simbolo di eleganza consustanziale. I tessuti leggeri sottolineano le forme del corpo femminile, carezzandone i movimenti e accompagnando il suo dinamismo espressivo.

1299087694_145_3285 (Large).jpg 1299087709_145_3286 (Large).jpg 1299087721_145_3287 (Large).jpg 1299087734_145_3288 (Large).jpg 1299087835_145_3289 (Large).jpg 1299087848_145_3290 (Large).jpg 1299087860_145_3291 (Large).jpg 1299088116_145_3293 (Large).jpg 1299088131_145_3294 (Large).jpg 1299088145_145_3295 (Large).jpg

L’ardita stravaganza dei cappelli e dei turbanti del “cappellaio londinese” Justin Smith conferiscono alla collezione tutta un personalissimo effetto ibrido dagli accenti al contempo retrò e post-moderni in grado di aggiungere ad ogni capo quel tocco di ironia necessario per alleggerire la solennità della rigorosa ricerca stilistica, tributo alla città di Roma ed ai fasti cinematografici della città Eterna degli anni ’50 e ’60.

Riproduzione riservata © 2022 - PB

ultimo aggiornamento: 04-05-2011