Milano Moda Uomo: la limited edition Valextra & Change e il progetto Virus +

Espressione di una visione totale del design, nella quale l’estetica della funzione evoluta unisce abiti, accessori, mezzi di locomozione, Changedesign veicola i propri valori attraverso la collezione sperimentale Virus +. Renato Montagner, fondatore di Changedesign e anima di Virus +, predilige la cultura del fare: modifica gli strumenti, nella convinzione che l’unico cambiamento possibile sia

Espressione di una visione totale del design, nella quale l’estetica della funzione evoluta unisce abiti, accessori, mezzi di locomozione, Changedesign veicola i propri valori attraverso la collezione sperimentale Virus +.

Renato Montagner, fondatore di Changedesign e anima di Virus +, predilige la cultura del fare: modifica gli strumenti, nella convinzione che l’unico cambiamento possibile sia quello che ha origine dal modo di realizzare le cose. VirusLab, così, contamina il repertorio dell’abbigliamento maschile urbano con la tecnologia e la performance degli sport estremi.

Il risultato è technotailormade, ovvero soluzioni sportive trasferite su capi sartoriali. Il processo è irreversibile: mentre i dna dell’activewear e del formalwear si intrecciano, il morphing crea nuove categorie vestimentarie.

Dalla collaborazione con Valextra, che ha prodotto una laptop bag in edizione limitata, nasce un progetto Virus + sviluppato ad hoc: bicicletta, blazer technotailormade e borsa, appunto, uniti in una capsula nella quale lavorare, muoversi e vestirsi rispondono ad un disegno comune.

valextra mmu ss 2012_004 (145).JPG valextra mmu ss 2012_004 (146).JPG valextra mmu ss 2012_004 (154).JPG valextra mmu ss 2012_004 (158).JPG

Elementi unificanti sono le materie, i dettagli e la scelta cromatica, con il verde militare contrastato dall’arancio acceso degli interni a fare da sigla. La laptop bag dal design netto, con tasche interne termonastrate, è il cuore del progetto.

Questo prosegue con un Windproof Blazer dalla doppia anima, impeccabile all’esterno, tecnica all’interno, di lino accoppiato a maglina, con dettagli industriali quali bottoni di alluminio e tasche interne a tre strati, termo-incollate, che rimandano agli interni della borsa.

valextra mmu ss 2012_004 (142).JPG valextra mmu ss 2012_004 (143).JPG valextra mmu ss 2012_004 (151).JPG valextra mmu ss 2012_004 (153).JPG

Completa l’outfit la bicicletta, caratterizzata anch’essa da un morphing tecnosartoriale di materie e finiture. Il linguaggio della collezione è trasferito in ambito agonistico: dettagli del mondo tessile – il nastro che ricopre il manubrio, ad esempio – si sposano a elementi di forte contenuto tecnologico, dal telaio in alluminio De Rosa al suo allestimento con gruppo Campagnolo Record 11 Speed tutto rigorosamente in carbonio e ruote Bora One sempre Campagnolo. L’attacco del manubrio, invece, è realizzato artigianalmente.

valextra mmu ss 2012_004 (137).JPG valextra mmu ss 2012_004 (138).JPG valextra mmu ss 2012_004 (139).JPG valextra mmu ss 2012_004 (140).JPG valextra mmu ss 2012_004 (156).JPG valextra mmu ss 2012_004 (159).JPG valextra mmu ss 2012_004 (161).JPG

La collezione Valextra & Changedesign contamina le icone del mondo Valextrala classica Avietta, la valigia Costa – con un sapere ingegneristico al fine di creare oggetti belli il cui uso sia gratificante. Il risultato unisce lusso modernista e discrezione ultraperformante: punti di forza sono il telaio interno in acciaio armonico, il driver telescopico in carbonio e alluminio antigraffio e l’utilizzo – in anteprima assoluta – di ruote in lega leggera e gomma speciale sviluppata da Pirelli; ridisegnati anche gli interni, termoformati, e gli esterni, con un tessuto resistente dalla texture incisiva.

I Video di Pinkblog