Centinaia di mutande per la libertà delle donne indiane

Singolare protesta in India contro il gruppo nazionalista indù Ram Sena, responsabile di alcune aggressioni ai danni di ragazze in un pub di Mangalore, colpevoli solo di essere troppo libere di frequentare certi posti come appunto pub e locali pubblici.

Su Facebook è nato un gruppo fondato da una donna indiana, che lancia una raccolta di slip rosa in segno di protesta contro la repressione della libertà femminile, invitandole inoltre ad "andare al pub più vicino e bere un drink nel giorno di San Valentino".

Lo scopo dell'iniziativa è quello di raccogliere almeno 500 mutandine rosa da tutto il Paese per poi mandarle all'ufficio di Pramod Mutalik, capo del Ram Sena. Furono le sue dichiarazioni sulle donne ( "non è accettabile che le donne frequentino i bar in India") a scatenare le aggressioni. Il pericolo maggiore sembra si verificherà proprio nel giorno di San Valentino, data per la quale i fondamentalisti hanno preannunciato azioni violente. Le donne però non ci stanno. Le coscienze si smuovono e - almeno sul web - sono circa un migliaio i messaggi giunti che inneggiano ad un risveglio. Coraggio ragazze!

  • shares
  • Mail