Oggi non vi parliamo dell’ultima novità del momento, magari in anteprima al prossimo Salone del Mobile di Milano (oramai l’avrete capito pure voi, le novità in questo momento dell’anno impazzano). Piuttosto, preferiamo guardare indietro nel tempo e presentarvi un oggetto di arredo che ha più di sessant’anni ma ancora ci stupisce per la sua longevità: inutile a dirsi, sarebbe bellissimo e moderno anche se l’avessero disegnato e messo in produzione solo oggi.

Stiamo parlando di OW 150, nome solo apparentemente in codice per una seduta progettata nel lontano 1949 dal designer danese Ole Wanscher e prodotta da Carl Hansen. Bizzarra tipologia, a cavallo tra una chaise longue e un pouff, è chiamata in inglese day bed (più chiaro di così), mentre in francese la si porebbe definire dormeuse.

Ma se in Italia aspettiamo ancora un nome tutto nostro -vi viene forse in mente qualcosa?-, l’importante è sapere che un pezzo come questo si sposa perfettamente nell’arredo delle nostre zone giorno, tipicamente il salotto, e si presta sia a funzionare come occasionale letto degli ospiti, sia ad accoglierci per una siesta del dopo pranzo dall’aria senz’altro più innocente proprio perchè lontana dalla camera da letto. Senza dimenticare che, arrivata la sera, la stessa dormeuse diventa una seduta perfetta per i nostri amici, magari con un piglio più informale rispetto al più monumentale divano.

Quanto alle sue caratteristiche progettuali, OW 150 si compone di una struttura realizzata in legno di quercia trattato al naturale, su cui si montano alcune corde intrecciate in tessuto che costituiscono la base per il materasso vero e proprio, rivestito in tessuto o in fantastica pelle (senz’altro la versione che preferiamo).

Via | Nordic Design

Iscriviti alla nostra newsletter
Altro su Arredamento Leggi tutto