Il tuo peso in bella mostra alla fermata dell'autobus? Ci pensa Fitness First

Peggio di questo mi viene in mente solo la crocifissione in sala mensa, di Fantozziana memoria.

Immaginatevi di sedere, magari pure un po’ stanche ed affaticate, alla fermata dell’autobus e leggere il vostro peso a carattere cubitali su un display, subdolamente installato su una parete della pensilina, quale potrebbe essere la vostra reazione?

-Sfasciate l’ordigno delatore come un hooligan in trasferta
-Cercate ammirazione e/o conforto negli sguardi degli altri utenti del servizio pubblico
-Pensate che è ora di andare in palestra…

Se l’ultima risposta è quella che fa per voi allora i pubblicitari della Fitness First, catena di palestre olandesi, hanno raggiunto il loro scopo.

Questa strategia di marketing a mio avviso irride la privacy di ciascuno, rendendo pubblico un dato personale come quello del peso corporeo, usandolo sottilmente il peso come grimaldello per far leva sul senso di amor proprio che si ha per la propria forma fisica: ho preso dei chili, devo fare qualcosa.

E voi cosa fareste se il vostro autobus fermasse proprio lì?

Via | Bust

  • shares
  • Mail