Lardini lancerà la prima collezione donna: video e foto della visita in azienda

Lardini ha invitato la stampa negli stabilimenti del gruppo Lardini a Filottrano, dove hanno presentato i risultati raggiunti dall’azienda e hanno anticipato i piani futuri della loro azienda. Qui video e foto della visita in azienda.

Lardini ha invitato la stampa internazionale (e anche Blogosfere Style & Fashion) negli stabilimenti del gruppo Lardini a Filottrano, dove hanno presentato i risultati raggiunti dall’azienda e hanno anticipato i piani futuri della loro azienda.

Qui sotto trovate i video in HD con alcuni estratti della conferenza stampa e la ricca fotogallery della nostra visita all’azienda Lardini.

 

Un’azienda – nata nel 1978 da un’intuizione di Luigi, Andrea, Lorena e oggi Annarita – specializzata nell’abbigliamento maschile di alta gamma, che grazie a scelte imprenditoriali e stilistiche, fatte di creatività, capacità delle maestranze, rigore della produzione, controllo qualità, forti e continui investimenti in ricerca, sviluppo, innovazione e formazione si è imposta nel mondo come vera espressione dell’eccellenza made in Italy.

Con l’autunno-inverno 2013 lanceremo la prima collezione donna” annunciano. “Una linea focalizzata su capispalla: giacche e cappotti. Pochi capi, mirati e realizzati in perfetto stile Lardini”.

A partire dal design fino alla realizzazione delle collezioni, tutto avviene negli stabilimenti di Filottrano (Ancona) dove l’esperienza della tradizione sartoriale del fatto a mano si coniuga con macchinari di ultima generazione. Una qualità di prodotto e di processo che contraddistingue sia le collezioni firmate Lardini sia quelle che l’azienda marchigiana realizza per noti marchi internazionali dell’abbigliamento maschile.

Ogni giorno a Filottrano si producono 1500 capi che raggiungono i mercati internazionali attraverso una catena distributiva in continua espansione che oggi conta 450 selezionatissimi multibrand, sei monomarca aperti tra Russia, Corea, Cina e Italia e corner nei migliori department store di Giappone, Corea e Usa.

A fine novembre andremo in Cina per definire la collaborazione con un importante operatore locale nell’obiettivo di aprire negozi firmati Lardini. In parallelo siamo alle ultime battute per la firma di un’altra partnership in Corea”

lardini_01 (3).JPG lardini_01 (4).JPG lardini_01 (6).JPG lardini_01 (7).JPG lardini_01 (12).JPG lardini_01 (15).JPG lardini_01 (18).JPG lardini_01 (20).JPG lardini_01 (22).JPG lardini_01 (26).JPG lardini_01 (27).JPG lardini_01 (30).JPG lardini_01 (31).JPG lardini_01 (33).JPG lardini_01 (42).JPG lardini_01 (43).JPG lardini_01 (45).JPG lardini_01 (47).JPG lardini_01 (50).JPG lardini_01 (51).JPG lardini_01 (52).JPG lardini_01 (53).JPG lardini_01 (54).JPG lardini_01 (56).JPG lardini_01 (58).JPG lardini_01 (66).JPG lardini_01 (69).JPG lardini_01 (75).JPG lardini_01 (77).JPG

In uno scenario congiunturale internazionale segnato dalla crisi, Lardini – che esporta il 60% della produzione – ha visto crescere il giro d’affari. Nel bilancio 2011 (che si riferisce all’esercizio 1 ottobre 2010-settembre 2011), dai 37 milioni di euro registrati nel 2009 il fatturato è salito a 53 milioni. Con una previsione di 56 milioni per l’esercizio 2012.

lardini_01 (9).JPG lardini_01 (10).JPG lardini_01 (16).JPG lardini_01 (19).JPG lardini_01 (21).JPG lardini_01 (23).JPG lardini_01 (24).JPG lardini_01 (28).JPG lardini_01 (34).JPG lardini_01 (35).JPG lardini_01 (36).JPG lardini_01 (37).JPG lardini_01 (38).JPG lardini_01 (40).JPG

Il nostro successo lo dobbiamo a tutte le persone che lavorano con entusiasmo assieme a noi”, hanno concluso “E’ per questo che anche nei momenti di crisi non abbiamo mai ricorso ai licenziamenti“.

credit image by Caterina Di Iorgi