Qual era il trucco anni 70 più di moda? I segreti per assomigliare alle star dell'epoca

trucco anni 70

Gli seventies furono una fucina di idee e rivoluzioni culturali. Anche nel campo della moda e delle tendenze, make-up incluso. Il trucco anni '70 era declinato in diverse versioni a seconda dello stile: hippy, disco-dance, punk. In tutti i casi era molto marcato sugli occhi con colori accesi e poco sfumati, un trend che tornerà di moda per la primavera-estate 2013, come abbiamo visto di recente sulle passerelle milanesi.

È in questo periodo che l'utilizzo dell'eyeliner inizia a spopolare e le ciglia finte diventano un must. Le labbra rimangono quasi sempre al naturale e le uniche nuances concesse sono quelle mattone o rosate opache. I modelli di riferimento dell'epoca erano celebrità come Twiggy, gli Abba, Catherine Deneuve, Liza Minnelli e Alli MacGraw. Il trucco di Twiggy, ad esempio, si concentrava esclusivamente sugli occhi, fino a creare l'effetto "bambolina" con matita nera marcata, eyeliner in abbondanza e ciglia finte.

Imitare il make up anni 70

Imitare il make up anni 70
Imitare il make up anni 70
Imitare il make up anni 70
Imitare il make up anni 70

Gli Abba erano le star della disco music, fatta di glitter, luccichii, paillettes: il loro make-up utilizzava colori sgargianti, l'ombretto era steso fino all'arcata sopraccigliare e allungato verso l'esterno. Spesso veniva usato un unico colore, al massimo due (come il contrasto bianco-nero) e sulle guance bastava un tocco di fard sui toni del mattone. La palette dei colori prediligeva quelli caldi, ma non era così raro trovare gli azzurri o i verdi. È in questi anni che nasce lo smoky eyes, dove il nero è il (non) colore protagonista per intensificare lo sguardo e donare l'allure da femme fatale.

  • shares
  • Mail