Nuovi studi sulla terapia ormonale sostitutiva tranquillizzano le donne

Già a luglio Pinkblog aveva affrontato il delicato tema della diffidenza delle donne circa la terapia ormonale sostitutiva. Un imponente studio, durato dieci anni, aveva messo in forse gli effettivi benefici dell'assunzione di ormoni esterni, legandone, anzi, l'utilizzo, all'insorgenza di altre problematiche.

Oggi, nuove ricerche sulla Tos tranquillizzano le donne o almeno ci provano. Il recente studio ha coinvolto 700 signore sane, di età compresa fra i 42 e i 58 anni, entrate in menopausa da non più di tre, dividendole in tre gruppi. Al primo sono stati somministrati estrogeni per via orale, al secondo per via cutanea e al terzo semplice placebo. I risultati sono stati incoraggianti.

Uno dei presunti effetti collaterali della terapia ormonale era legato all'ispessimento delle arterie, con conseguente rischio cardiovascolare. Ebbene, dagli esiti della ricerca, pare che gli ormoni somministrati non influiscano negativamente sulla pressione sanguigna o sull'indurimento dei vasi. Inoltre, entrambi i tipi di estrogeni hanno effetti positivi su vampate di calore, densità ossea, umore e salute sessuale.

Tuttavia, gli estrogeni in pillole hanno mostrato un aumento dei trigliceridi, contro quelli in patch cutaneo che non hanno influito su questo aspetto. E anzi, si sono dimostrati un ottima soluzione per le donne a rischio diabetico, visto che mantengono costanti i livelli di zucchero nel sangue e migliorano la sensibilità all'insulina.

Per quanto riguarda l'altra preoccupazione femminile, circa la Tos, gli studi sono ancora indietro: sull'incidenza che l'uso di ormoni esterni può avere sui casi di cancro al seno, ancora non si hanno dati. E, tuttavia, i ricercatori sottolineano che gli effetti negativi degli estrogeni vanno a colpire soprattutto le donne che partono da uno stato di salute non ottimale.

Nel dubbio, essere prudenti non guasta mai. Gli stessi medici caldeggiano di considerare la terapia ormonale come una cura farmacologica a tutti gli effetti. Quindi, da utilizzare solo nel caso in cui i sintomi della menopausa rischiano di invalidare la normale quotidianità. E noi, comunque, restiamo in attesa di saperne di più.

Via | Vitals.nbcnews
Foto | Pinterest

  • shares
  • Mail