La blogger cubana Yoani Sánchez arrestata perché voleva seguire il processo a Carromero

Non sempre vale l'idea che la libertà di stampa debba essere tutelata. Almeno a ciò che è capitato alla blogger cubana Yoani Sánchez, nota in tutto il mondo per il suo blog Generación Y, determinata a seguire il processo nei confronti del politico spagnolo Ángel Francisco Carromero Barrios, accusato di omicidio.

La Sánchez è stata arrestata insieme al marito, il giornalista Reinaldo Escobar, ancora prima di commettere il fatto: così come riportato dal sito Cuba Encuentro, infatti, pare che si fosse diffusa voce secondo la quale la coppia e altri attivisti erano intenzionati a creare tensioni durante il processo che si terrà quest'oggi a Bayamo, capoluogo della provincia di Granma.

Il giovane Carromero è stato arrestato perché ritenuto responsabile della morte dei dissidenti Oswaldo Paya e Harold Cepero, deceduti in un incidente stradale avvenuto lo scorso luglio mentre lui era alla guida dell'auto sulla quale viaggiavano tutti e tre. E, secondo quanto riportato dalle notizie attualmente in circolazione, la Sánchez e il gruppo di persone che sono state fermate insieme a lei, si era recata nella città proprio per seguire dal vivo il suddetto processo e darne notizia attraverso il suo blog.

Il politico imputato è un esponente del movimento dei giovani del Partito popolare e, sempre a quanto è stato riportato dal portale Cuba Encuentro, pare che la Sánchez avesse intenzione di compiere qualche azione illegale durante il dibattimento. A supportare le supposte intenzioni bellicose di Yoani è stato il giornalista cubano García Ginarte, twittando che la collega era intenzionata a disturbare il processo in programma al Tribunal Provincial y Popular de Granma.

Via | corriere.it

Foto | wikimedia

  • shares
  • Mail