Ecco cosa mettere in valigia per il parto stagione per stagione  

valigia-per-il-parto

Il lieto evento è vicino ed è ora di prepararsi per la degenza in ospedale: cosa mettere in valigia per il parto? È importante informarsi presso la struttura ospedaliera in cui si intende partorire per sapere cosa viene fornito e cosa invece è necessario portarsi da casa: vi verrà data una lista specifica degli indumenti e dei prodotti da portare in base alla stagione. Di solito al bimbo vengono forniti i pannolini, le garze per l'ombelico e il necessario per la culla.

Nella maggior parte dei casi alla mamma non viene fornito nulla, quindi bisognerà avere l'occorrente per l'igiene personale e intima, pannolini post-parto, mutandine monouso (in rete o in carta), una t-shirt comoda o camicia da notte per il parto, una camicia da notte o pigiama per la degenza, vestaglia, pantofole, vestiti, asciugamani. In reparto fa molto caldo anche in pieno inverno, quindi è il caso di munirsi di indumenti leggeri, al massimo di viscosa o fresco lana per i mesi più freddi.

Per il neonato sono richiesti body o magliette intime a manica corta (a luglio e agosto senza maniche), tutine intere o completino due pezzi di ciniglia, cotone o spugna secondo la stagione (a luglio e agosto pagliaccetti sgambati e calzine possono bastare), almeno quattro cambi preparati in sacchetti di plastica. Per i mesi invernali sono necessari inoltre il cappellino di lana, guanti e giacchetta oppure, in alternativa, le tute imbottite che coprono il bebè da testa a piedi senza il rischio che rimanga scoperto. Per chi lo desidera è molto comodo un sacchettino in stoffa da appendere al lettino per poter riporre il cambio.

  • shares
  • Mail