Per Kirkeby alla Tate Modern

Parliamo per la prima volta su artsblog di Per Kirkeby (1938), in occasione di una grande personale che aprirà il 17 giugno a Londra, alla Tate Modern. Nato nel 1938, danese, è forse il più famoso artista scandinavo vivente. Pittore e scultore, ma anche poeta e filmaker, nasce in realtà come biologo. La mostra vuole

di elisa


Parliamo per la prima volta su artsblog di Per Kirkeby (1938), in occasione di una grande personale che aprirà il 17 giugno a Londra, alla Tate Modern.

Nato nel 1938, danese, è forse il più famoso artista scandinavo vivente. Pittore e scultore, ma anche poeta e filmaker, nasce in realtà come biologo. La mostra vuole proprio esplorare tutte le capacità creative dell’artista, a cui viene dedicata una grande antologica nel Regno Unito per la prima volta. Davvero eterogenea la sua azione, se pur da autodidatta: performance con Nam June Paik negli anni Sessanta, sculture in mattoni in esterni dagli anni Settanta (una è presente in Italia a Torino, in Largo Orbassano), sculture in bronzo, scritti e poesie, elaborazioni grafiche e naturalmente i dipinti per i quali è famoso, in cui si può intravedere l’influenza di Munch nell’uso del colore.

Colore denso, materico, stratificato, semplicemente allusivo. Nessuna rappresentazione, in tutte le “arti” di Kirkeby: la decodifica e la lettura delle opere (spesso senza titolo) spettano completamente allo spettatore e alla sua intuizione. Da scoprire. 146 i lavori in mostra, fino al 13 settembre.

Per Kirkeby
Per Kirkeby
Per Kirkeby
Per Kirkeby
Per Kirkeby
Per Kirkeby

I Video di Pinkblog

Ultime notizie su Mostre

Tutto su Mostre →