Bologna Pride 2008: il fermo di Graziella Bertozzo

Durante il Bologna Pride di ieri c’è stato un fermo: quello di Graziella Bertozzo, nota attivista omosessuale del movimento No-Vat (per intenderci, il movimento che durante il Roma Pride ha “occupato” simbolicamente Piazza San Pietro in Vatiano). Pare che il fermo sia avvenuto dopo una lieve colluttazione con gli agenti nata a seguito delle insistenze

di robo

Durante il Bologna Pride di ieri c’è stato un fermo: quello di Graziella Bertozzo, nota attivista omosessuale del movimento No-Vat (per intenderci, il movimento che durante il Roma Pride ha “occupato” simbolicamente Piazza San Pietro in Vatiano). Pare che il fermo sia avvenuto dopo una lieve colluttazione con gli agenti nata a seguito delle insistenze della donna per entrare nella zona dietro il palco, delimitata dalle transenne. Così leggiamo su Rainews 24.

Ieri sera si sono recati in questura sia Vladimir Luxuria, che alcuni partecipanti al Pride. Con la Bertozzo c’erano due avvocati e il portavoce del comitato organizzatore del gay pride, Flavio Romani.

Forse con un clima di maggior dialogo – anche, e soprattutto, all’interno del movimento – si sarebbe potuto evitare l’accaduto

Foto | River

Ultime notizie su Gay Pride

Tutto su Gay Pride →