Consigli per una sana e corretta esposizione solare

E’ arrivata la bella stagione e la voglia di esporsi ai primi soli è tanta, ma è bene ricordare di non abbassare mai la guardia nei confronti dell’eccessiva e prolungata esposizione solare. Dopo aver preparato correttamente la pelle per ricevere i raggi del sole, seguiamo dei sensati consigli promossi da Ambre solaire, in collaborazione con

E’ arrivata la bella stagione e la voglia di esporsi ai primi soli è tanta, ma è bene ricordare di non abbassare mai la guardia nei confronti dell’eccessiva e prolungata esposizione solare. Dopo aver preparato correttamente la pelle per ricevere i raggi del sole, seguiamo dei sensati consigli promossi da Ambre solaire, in collaborazione con la lega europea contro il cancro (ECL – Association of European Cancer Leagues) per una corretta, sia per quanto riguarda adulti e bambini.

– Evitare prolungate esposizioni al sole nelle ore più calde.
– Proteggersi con accessori quali cappello, t-shirt, occhiali da sole.
– Riparare neonati e bambini dall’esposizione al sole
– È essenziale evitare di esporre i bambini ai raggi UV.
– La prolungata esposizione al sole di neonati e bambini accresce infatti il rischio di cancro della pelle in età adulta. Sarebbe quindi opportuno non esporre affatto neonati e bambini ai raggi UV.
– Applicate con frequenza i prodotti solari.

Cosa molto importante – su cui c’è spesso molta confusione – è se riapplicando il solare si prolunga la durata del fattore di protezione.

Per mantenere costantemente la protezione iniziale, i prodotti solari devono essere applicati con frequenza, soprattutto dopo aver nuotato, essersi bagnati o asciugati. La continua applicazione dei prodotti solari non prolunga tuttavia la durata della protezione.

Una volta esaurita l’efficacia del prodotto applicato, infatti, la ri-applicazione dello stesso porta ad un’esposizione prolungata e, di conseguenza, ad una sovraesposizione ai raggi UV.
Foto | Flickr

Ultime notizie su Cancro

Tutto su Cancro →