Come preparare il liquore al mandarino a casa, la ricetta alla portata di tutti

Il liquore al mandarino è perfetto dopo un pranzo o una cena: il suo sapore gustoso ma mai stucchevole è in grado di soddisfare anche i palati più esigenti. Se fatto in casa, poi, è ancora più buono, oltre che essere un ottimo digestivo. Prepararlo è molto semplice e la stagione perfetta è proprio quella dell'autunno-inverno, ovvero quella dei mandarini: ne servono almeno dieci biologici, per evitare che ci siano conservanti aggiunti o agenti chimici a compromettere la buona riuscita del liquore.

Serviranno inoltre un litro di alcol per liquori, 500 gr di zucchero e 400 ml di acqua. Mettete a macerare per 15 giorni le bucce dei mandarini immerse nell'alcol, dentro ad un contenitore di vetro chiuso e in un luogo buio. Attenzione a non prendere la parte gialla della buccia, quindi è meglio sbucciare i mandarini con un coltello o con un pelapatate. Passate le due settimane togliete le scorze e avvolgetele in un panno asciutto e pulito.

Fate bollire lo zucchero nell'acqua, fate raffreddare e unitelo l'alcol; filtrate con la carta da filtro o con un colino a maglia fittissima il liquido nelle bottiglie. Sigillate con cura le bottiglie con dei tappi e dopo un mese di invecchiamento (vanno bene anche 2 o 3 mesi) il vostro liquore al mandarino sarà pronto da degustare. Mettetelo in freezer oppure servitelo in piccoli bicchieri tenuti nel congelatore.

Foto | Getty Images

  • shares
  • Mail