Ecco i pennelli giusti per il trucco minerale

Non possono mancare nel beauty di una donna, sono gli alleati perfetti per stendere il trucco minerale, ma anche quello più tradizionale: sono i pennelli, i morbidi amici delle fan del make up, che non vogliono rinunciare ad un maquillage ad alta definizione. Oggi Pinkblog vi porta a conoscere i principali, svelandovi, per ciascuno, il suo utilizzo specifico. Pronte alla carrellata?

Partiamo dal viso. Se per la stesura del fondotinta liquido solitamente ci si aiuta con il pennello apposito, piatto, principalmente a punta attondata, largo un paio di centimetri, per le polveri minerali si utilizza il magico kabuki. È un pennellone tondo, con un diametro che si aggira attorno ai 5 centimetri e aiuta a stendere la polvere muovendolo circolarmente. In alternativa c'è anche il flatbuki, quasi uguale, se non per le setole che sono tagliate di netto.

Il pennello per correttore, invece, è molto simile al classico per fondotinta liquido. Infatti ha la punta piatta e le setole attondate, ma ha una larghezza inferiore, per permettere di raggiungere gli angoli interni dell'occhio e le pieghe del naso. Si usa indifferentemente asciutto o bagnato, a seconda della coprenza che si vuole dare e dell'effetto (mat o lucido) del trucco nel suo insieme.

Chi vuole enfatizzare gli zigomi affidandosi all'arte del contouring, non può non trovare nel fan brush, il suo alleato migliore. La sua forma a ventaglio gli consente un rilascio graduale del bronzer, per applicazioni leggere e molto naturali. Ma il fan può essere anche un ottimo pennello da blush e da cipria, per un effetto finale impalpabile.

Se, al contrario, desiderate marcare di più il naturale rosato delle guance, ci pensa il pennello blush, accompagnato da una vasta gamma di "fratelli", creati apposta per migliorare il colorito delle fanciulle. Il classico blush brush è leggermente appiattito e ha la punta tonda o, meglio ancora, angolata, pronta a seguire le linee naturali del viso. I parenti già citati sono più tondeggianti e servono solo ad amplificare le sfumature, grazie alle setole fittissime e alla forma meno schiacciata.

Ma passiamo agli occhi, dove il trucco minerale prende davvero vita grazie alle infinite personalizzazioni di uso dei pigmenti minerali. C'è il pennello classico per ombretto, con la punta tonda e di varie dimensioni, il pennello penna, utilissimo per la rima inferiore dell'occhio e per disegnare tratti precisi e c'è, ovviamente, il pennello angolare, perfetto da usare bagnato per stendere le polveri come un eye liner.

Non dimentichiamo anche il blender, il pennello occhi a punta grossa e morbida, indispensabile per sfumare in modo mirabile i colori ed evitare quei fastidiosi stacchi di tinta quando si usano più tipi di ombretto. Per le labbra i pennelli sono meno usati, in quanto spesso ci si trova comode a stendere il trucco minerale puro con le dita, su una bocca ben idratata e con del burro cacao sopra.

Eppure, se rendiamo liquide le nostre polveri, aggiungendo burri naturali o il nostro lip gloss trasparente, l'utilizzo del pennello giusto diventa indispensabile. Il classico pennello da labbra assomiglia esteticamente ai pennelli per i colori ad olio: ha le setole medio-lunghe, affusolate, compattissime. Offre un tratto preciso e senza sbavature, per dare colore alla bocca con tutta la morbidezza di cui è capace.

Foto | Pinterest

  • shares
  • Mail