Utero in affitto: cosa ne pensano le italiane

utero in affittoDefinire routine la pratica dell’utero in affitto forse è un tantino esagerata, ma a Hollywood se non è routine è comunque pratica consolidata. L’ultima mamma per procura in ordine di tempo è quella che sta generando i due gemelli di Sarah Jessica Parker e Matthew Broderick che non sono riusciti ad avere il tanto desiderato secondo figlio e si sono rivolti all’utero in affitto.

In Italia questa pratica è illegale ma le italiane – secondo un sondaggio per Donna Moderna – si dicono invece per la maggior parte favorevoli. Un’italiana su tre dice sì alla possibilità di avere un figlio proprio ma partorito da un’altra donna quando le condizioni fisiche della coppia non permettono di generarne uno senza ricorrere a soluzioni alternative.

Di più: sono circa 100 l’anno i casi di turismo procreativo di coppie che vanno all’estero per reclutare una madre in affitto e seguire l’iter medico necessario che in Italia non è ammesso dalla legge. Sono noti anche i prezzi medi: una donna dell’Est si fa pagare circa 30 mila euro, mentre le americane “costano” fino a 140 mila euro.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail