Il vibratore eiaculante, questo sconosciuto

L'altro giorno si parlava di vibratori come oggetti d'arredo nella casa moderna e trendy. Per caso è uscito fuori il termine vibratore eiaculante e subito qualcuno ha chiesto di che cosa si tratta. Quindi ho pensato di spiegarvelo e di linkarvi qualche esempio da acquistare immediatamente.

Parlando col mio sexyshopper di fiducia, mi sono fatta consigliare circa quel che sto per rivelarvi: il vibratore eiaculante è solitamente un vibratore che cerca di riprodurre il più possibile le caratteristiche di un pene reale, in tutto e per tutto. Questo non significa solo similitudine al tatto, simulazione di vene e curve varie della pelle, ma anche la riproduzione dell'eiaculazione.

Come succede? Bè, l'eiaculazione avverrà nel momento in cui lo desideriamo noi, perchè in quell'istante abbiamo bisogno di un input eccitante o per avere la soddisfazione di vedere finito il nostro lavoro. Strizzando letteralmente la base del fallo o lo scroto per i modelli che lo riproducono oppure ancora una pompetta a parte in dotazione, il vibratore farà uscire dal foro apposito, posto ovviamente sulla punta, il liquido, che ovviamente sarà caricato da noi in precedenza.

Se volete qualche giocattolino da provare, eccone uno a 99 euro oppure uno più economico a 30 euro.

La domanda ora è d'obbligo e riprende quella postami nei commenti ieri: ma quale liquido? Bè qui solo la fantasia vi può aiutare: freddo, caldo, tiepido, più bianco o più giallognolo, potete inserire nel vibratore eiaculante tutto quello che volete. Altrimenti nei sexy shop più forniti, esistono preparati appositi. E poi l'ultima domanda: come pulire? La risposta potrebbe essere utile anche nei casi di rapporti con esseri umani, e sta nel divertente video qui sotto.

Vi aspettavate di più? Bè, care ragazze, il vibratore può tante cose, ma non tutto: un fallo per quanto reale non potrà mai sostituire il meccanismo del corpo umano e quindi non potrà regalare l'eccitazione prima del momento fatidico, l'attesa e la magia che ci fanno domandare trepidanti "ma quando arriverà?" (risposta: il più tardi possibile); insomma un vibratore eiaculante non è un uomo, ma a volte è meglio così.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail