Manifesti di perdono uguali a Messina e Roma: un caso o un progetto virale?

Manifesti di perdono uguali a Roma e Messina

Messina è stata tempestata da centinaia di manifesti che chiedono perdono. Non si tratta di un politico che chiede scusa per la cattiva gestione del suo comune, ma di un uomo innamorato, che ha escogitato questo modo decisamente insolito per farsi perdonare dalla sua amata. Un modo originale, curioso emolto eclatante per chiedere scusa. Forse un po' troppo eclatante, che ci ricorda però un fatto avvenuto qualche tempo fa a Roma.

C'è chi chiede alla propria amata di sposarlo con un Dance Flash Mob e chi chiede scusa alla fidanzata tappezzando la città con manifesti di perdono. Ovviamente oggi a Messina non si parla d'altro, così come sul web: moltissimi i cittadini che si stanno chiedendo chi sono i due protagonisti della storia, chi sono questi Peppe, il firmatario, e Melania, la persona che dovrebbe concedere il suo perdono.

Quel manifesto, però, ricorda per realizzazione e contenuti uno che era apparso nella Città Eterna, scritti da Gianluca per la moglie Camilla, probabilmente per una questione di tradimento. Il dubbio che ci sia un collegamento tra i due casi è lecito: o Peppe ha copiato spudoratamente Gianluca, oppure potrebbe trattarsi di un'azione combinata, magari di una campagna virale. Ma fatta da chi e per cosa?

I manifesti romani sono apparsi a Roma il 7 ottobre, quelli di Messina l'8. Uno spazio di tempo troppo ristretto per poter credere alla storia di un clone. Ma anche alla casualità: entrambi, infatti, hanno uno sfondo rosso e la scritta è bianca. Iniziano praticamente allo stesso modo e terminano in maniera uguale. Il contenuto del manifesto non è uguale, ma molto simile. C'è puzza di bruciato, insomma!

Entrambi i manifesti sono stati pubblicati in questi giorni negli appositi spazi pubblicitari delle due città: Peppe sta cercando di riconquistare la sua Melania, chiedendole scusa per averla fatta soffrire, e Gianluca fa lo stesso con la moglie Camilla.

Ecco cosa leggiamo nel manifesto di Messina dalla pagina Facebook di Dino Sturiale, il primo fotografo che lo ha immortalato:

Scusa per essere mancato come compagno nell’ultimo periodo della tua vita, travolto da una tempesta superata, che mi ha fatto fare molti errori, ho perso tempo dietro cose inutili

.

Ti chiedo perdono davanti a tutta Messina, perché quando un uomo sbaglia, e tanto, deve saper chiedere perdono e dimostrare con i fatti amore, rispetto e attenzione ed essere un punto di riferimento per la propria donna”. Non mi sono accorto di avere al mio fianco il fiore più bello, fatti raccogliere

Ed ecco cosa leggiamo nel manifesto di Roma:

Scusa per essere mancato come marito e come padre, travolto da una tempesta superata che mi ha fatto fare molti errori dei quali sono sinceramente pentito.

Chiedo perdono a te ed alla nostra bambina, ti chiedo perdono davanti a tutta Roma.

Che dite, sono reali oppure anche voi sospettate che ci sia qualcosa dietro?

Via | Blogsicilia

  • shares
  • Mail