Mostra Coveri Prato: dal 24 ottobre un’esposizione racconterà la storia di Enrico Coveri

Abiti, disegni originali, fotografie, video, accessori, racconteranno l’avventura dello stilista cominciata proprio nel capoluogo toscano quarant’anni fa. I dettagli e le foto su Blogosfere Style & Fashion.

Coveri Story. Da Prato al Made in Italy è la mostra che, dal 24 ottobre al 18 gennaio 2013, racconterà la storia di Enrico Coveri, pratese di nascita, dagli esordi toscani fino ai successi mondiali.

La mostra a ingresso gratuito, curata da Ugo Volli, Martina Corgnati e Luigi Salvioli, presenterà abiti originali, bozzetti, storyboard delle sfilate (assoluto inedito per il pubblico), fotografie, video delle sfilate, fino alle numerosissime copertine che le riviste hanno dedicato alle creazioni Coveri. Una sezione con una preziosa selezione di opere, tra cui uno dei ritratti di Coveri realizzato da Andy Warhol, documenterà l’amore dello stilista per l’arte contemporanea.

Il percorso è concepito per ripercorrere i principali momenti della carriera di Enrico Coveri e del suo marchio, partendo dalla fine degli anni Settanta quando la moda italiana, per merito di un piccolo numero di geniali artisti e imprenditori (Armani, Coveri, Versace, Mandelli, Missoni), si affermò in tutto il mondo.

Coveri, classe 1952, inizia giovanissimo a disegnare modelli per le industrie locali e fa la sua prima sfilata con la linea Touche nel 1973, a soli ventun anni, facendosi subito notare dall’ambiente della moda fiorentina, che in quel periodo era il più importante d’Italia.

Proprio in quegli anni la moda diventa il motore della ripresa italiana e la mostra documenterà il contesto e le peculiarità del territorio in cui Enrico Coveri sviluppa il suo talento: la tradizione di qualità e di efficienza dell’industria tessile di Prato e della Toscana, con straordinari artigiani della pelle, della paglia, del feltro, ma anche con moderne tecnologie industriali.

Dal 1977 con la sfilata a Parigi nasce lo stile Coveri: la sua cifra è l’allegria, il piacere di vivere, il gioco; il suo target comprende tutta la famiglia, uomo donna bambino, che viene spesso fatta sfilare tutta assieme; la sua creatività si estende a tutte le occasioni della vita. Il simbolo che lo contraddistingue sono le paillettes, copertura mobile, brillante e festosa che di solito è usata per gli accessori e che il giovane stilista applica volentieri a tutte le sue creazioni.

E poi la scelta di giovanissime, bellissime e ancora sconosciute, modelle dai nomi che saranno i più celebri del mondo come Naomi Campbell e Claudia Schiffer, e di grandi fotografi come Bill King e Oliviero Toscani per i suoi cataloghi.

Mostra Coveri Prato: dal 24 ottobreun'esposizione per raccontare la storia di Enrico Coveri Mostra Coveri Prato: dal 24 ottobreun'esposizione per raccontare la storia di Enrico Coveri Mostra Coveri Prato: dal 24 ottobreun'esposizione per raccontare la storia di Enrico Coveri Mostra Coveri Prato: dal 24 ottobreun'esposizione per raccontare la storia di Enrico Coveri Mostra Coveri Prato: dal 24 ottobreun'esposizione per raccontare la storia di Enrico Coveri Mostra Coveri Prato: dal 24 ottobreun'esposizione per raccontare la storia di Enrico Coveri Mostra Coveri Prato: dal 24 ottobreun'esposizione per raccontare la storia di Enrico Coveri Mostra Coveri Prato: dal 24 ottobreun'esposizione per raccontare la storia di Enrico Coveri

LINK UTILI

Moda Uomo Milano 2012: i colori vitaminici di Enrico Coveri, foto e video sfilata S/S 2013

Fuori Salone 2012 Milano: la nuova linea Aster Kitchen Collection Enrico Coveri Living, le foto

Milano Moda Uomo: la collezione “ramage” di Enrico Coveri, le foto e il video della sfilata

Credit images by Archivio Coveri

I Video di Pinkblog