Lo stretching, attività fondamentale nello sport



Per tutte le amanti dello sport, ecco lo stretching, una disciplina sicuramente difficile su cui sono state scritte decine di libri e ancora non è stata detta la parola fine. Nello sport assume un'importanza basilare in quanto è proprio grazie a questo particolare sistema di allungamento/allenamento che il praticante raggiungerà la massima (ovviamente individuale) flessibilità muscolare.

La parola "stretching" è un termine che proviene dall'inglese: "to stretch" in italiano significa allungamento. È una metodica che consiste nell'allungamento muscolare e nella mobilizzazione delle articolazioni attraverso l'esecuzione di esercizi di stiramento, semplici o complessi, allo scopo di mantenere il corpo in un buono stato di forma. E’ arrivato in Europa e in Italia, sulla scia della ginnastica aerobica e della cultura del tempo libero e della cura del corpo, giunte come sempre da oltre oceano.

Le origini dello stretching sono varie; quello più conosciuto è quello codificato da Bob Anderson. Questi esercizi sollecitano, oltre alle fibre muscolari, il tessuto connettivo (tendini, fasce ecc.) che è estensibile (può essere allungato), ma se non viene regolarmente sollecitato con l'esercizio fisico, in breve tempo perde questa caratteristica essenziale.

Parlando di stretching è anche d'obbligo parlare della mobilità articolare (conosciuta anche come: articolarità, flessibilità, estensibilità, ecc.): è la capacità di compiere movimenti ampi ed al massimo della estensione fisiologica consentita dalle articolazioni.

Questa capacità è condizionata:

- dalla struttura ossea dell'articolazione;
- dalle sue componenti anatomiche e funzionali (grado di estensibilità dei legamenti, tendini e muscoli);
- dalla temperatura dell'ambiente;
- dal livello di riscaldamento del corpo.

È importante ricordare che le fibre muscolari si adattano rapidamente a qualsiasi situazione.

Via Sportmedicina.it
Foto Volleyrosa.net

  • shares
  • Mail