Chiedere scusa alla moglie? Così non va: 8mila euro di multa

Sappiate che non è un’idea furba appendere manifesti abusivi nella propria città per farsi perdonare!

Ve lo ricordate? L’uomo che aveva pensato bene di tappezzare con manifesti abusivi i muri della Capitale chiedendo scusa alla moglie? Una lettera pubblica che ha attirato la curiosità di migliaia di passanti e navigatori del web…

Bene, dopo esser stato preso in giro dai lucchetti di Ponte Milvio (sembra surreale, ma è andata proprio così), ora il “mitico” Gianluca Tirone, ultrà del Lazio, è stato multato di ben 8mila euro dal comune di Roma.

Ma non è tutto, perchè la cifra, a quanto pare, è destinata ad aumentare inesorablmente: per ogni manifesto attaccato senza pagare l’imposta prevista per legge, è pronto un verbale da 400 euro. Considerando che la multa ricevuta finora comprende soltanto la zona corrispondente a piazzale Flaminio e Parioli, e conoscendo la grandezza di Roma, se Camilla (la moglie di Gianluca) aveva creduto bene di perdonarlo, qui c’è un alto rischio di ripensamento.

ALTRI LINK:

Scusa ma non ti voglio sposare. Gli uomini e la paura del matrimonio.

Uomini e donne: le dieci scuse più assurde per lasciarla

Dichiararsi a una ragazza: ecco cosa non fare