Premi Nobel: per la prima volta nella storia due donne vincono insieme quello per la Medicina



Oggi tre scienziati americani, Jack Szostak e per la prima volta nella storia due donne Elizabeth H. Blackburn e Carol Greider, hanno vinto il Premio Nobel 2009 per la Medicina e la Fisiologia, per tradizione annuale, per aver scoperto il modo in cui i cromosomi vengono copiati e protetti dal deterioramento, risolvendo così uno dei principali problemi della biologia e aprendo le porte allo studio della longevità.

Non sono mancate reazioni scettiche come quella di Roberto Bernabei, geriatra al Policlino Gemelli e past-President della Società italiana di Gerontologia e Geriatria: “Sono scoperte indubbiamente interessanti, ma l’applicazione pratica è straordinariamente lontana”.

Elizabeth H. Blackburn nel 2004 firmò un editoriale di fuoco sul “New England Journal of Medicine” in cui sosteneva chiaramente di essere stata licenziata dal comitato scientifico Usa sulla bioetica e l'uso delle staminali in ricerca perché le sue idee contrastavano con la linea anti-staminali embrionali dell'allora presidente americano George W. Bush.

Ma il mondo scientifico plaude la scoperta: “Ne sono felice –ha commentato il Nobel italiano Rita Levi Montalcini- è un segnale rilevante e di estrema importanza per tutte le donne e tutte le ricercatrici del mondo, abili e preparate quanto i colleghi maschi”.

L’annuncio è stato dato questa mattina durante una conferenza stampa al Karolinska Institutet di Stoccolma. I tre scienziati si divideranno un premio di circa 980.000 Euro e saranno insigniti il 10 dicembre nel corso della cerimonia che ogni anno si svolge in occasione della morte di Alfred Nobel.

Via abcNews

  • shares
  • Mail