Come fare la pasta cacio e pepe con la ricetta romana tipica

ricetta pasta cacio e pepe

Direttamente dalla cucina romana, ecco a voi la ricetta della pasta cacio e pepe, un primo piatto classico della bella città del Lazio, che con pochi e semplici ingredienti, ma con un procedimento davvero particolare, è una ghiottoneria da mangiare ogni volta che ne abbiamo voglia.

E' una ricetta per un primo piatto semplice, ma per farlo a regola d'arte bisogna conoscere alcuni piccoli segreti, a cominciare dal formaggio che deve essere pecorino romano dop, passando poi per la mantecatura, fase molto importante per dare alla pasta quel tocco in più, senza dimenticare l'abbondante presenza del pepe nero.

Tra le tante ricette di pasta, quella con cacio e pepe alla romana è una delle più ghiotte. Vediamo come si realizza cominciando dagli ingredienti: pasta lunga tipo bucatini o spaghetti (meglio se tonnarelli), 100 grammi a persona, percorino romano Dop, 40 grammi a porzione, pepe nero in grani.

Pochi ingredienti per una ricetta di pasta gustosa, che si prepara così. Cuocete la pasta in abbondante acqua salata ma non troppo, dal momento che percorino e pepe daranno già molto sapore al piatto.

Grattugiate il pecorino e mettetelo in un contenitore, dove dovrete inserire poco alla volta l'acqua di cottura della pasta, girando con cura, per ottenere una crema che dovrà essere liquida.

Scolate la pasta quando è al dente, conservando da parte l'acqua di cottura. Versate il composto con il pecorino in una padella e unite la pasta: ora potete mettere la padella sul fuoco, moderato o basso, per mantecare la pasta e farla cuocere bene. Ogni tanto, se la cremina liquida si restringe, potete aggiungere l'acqua di cottura.

Quando mancano 10 secondi dalla fine della mantecatura, aggiungete una spolverata di pecorino grattugiato e il pepe macinato. Prima di adagiare la pasta sul piatto, preparate una spolverata di pepe grattugiato.

Va mangiata calda, magari ancora con una spolverata di pecorino e pepe sopra!

Via | Fallosapere

  • shares
  • Mail