Smalti cult autunno-inverno 2009-2010: Jade di Chanel e i suoi cloni

smalti verdiLa Rete pullula già di duplicati, le americane li chiamano dupe e si vantano di ogni brillante scoperta del clone dello smalto più ricercato della stagione: “Jade” di Chanel. Molte delle mie amiche pensano che sia pura follia dipingersi le unghie di verde, specialmente se hai passato l’adolescenza negli anni Ottanta, quando nessun colore è mancato all’appello delle inquiete sperimentazioni di quegli anni. Ma se uno smalto fa tendenza ci si mette davvero poco a desiderarlo contro ogni logica.

Purtroppo l’oggetto del desiderio non è stato distribuito come sperato ed è reperibile soltanto nei monomarca di Chanel ma non nelle profumerie concessionarie del marchio. Su eBay la caccia si è aperta ma i prezzi sono spropositati e il rischio fake è sempre dietro l’angolo. Ecco allora tutte le proposte simili che si possono reperire a prezzi più abbordabili.

Primo della lista è un’altra chimera ma se siete tanto fortunate da trovarlo sappiate che è di Mac, si chiama “Peppermint Patti” ed è un verde a metà tra l’idea della menta nel latte e il colore del mare maldiviano. Perfetto clone è il “Mint Green” di Barry M, brand inglese in vendita online a poche sterline (2,95 quelle necessarie per uno smalto). Simile, ma appena più scuro e più vicino alle tonalità originali del Jade di Chanel è lo “Spring Green”, ancora di Barry M. Stesso prezzo, leggera differenza di sfumatura. La prova unghia darà il verdetto finale.

I verdi certo non sono finiti qua: OPI, tanto per citarne uno, ha proposto le sue varianti: “Hey! Get in Calce!” e “Gargantua Green Grape”, che però vira verso una tonalità lime. La differenza sostanziale non sta tanto nella tonalità, più o meno perfettamente replicata dai vari succedanei, quando nel valore iconico dello smalto originale (e, in termini più pratici, nella leggera iridescenza che lo smalto di Chanel ha e tutti i cloni invece no). Un suggerimento: fate una ricerca su Flickr utilizzando il nome di ogni singolo smalto per vederlo sulle unghie di chi lo ha testato, perché i colori appaiono un po' falsati nelle immagini in flacone.

  • shares
  • Mail