Riconoscere l'anoressia dai primi sintomi e intervenire in tempo

sintomi anoressia

L'anoressia è un disturbo del comportamento alimentare. Le persone che soffrono di questa patologia, che solitamente colpisce più le donne rispetto agli uomini, anche se non mancano casi nel sesso forte, rifiutano il cibo, per paura di ingrassare, ed hanno una visione distorta del proprio fisico, che viene sempre percepito come "troppo", anche quando il peso è decisamente sotto i limiti della normalità (inferiore cioè all'85 per cento del peso ideale).

L'anoressia ha dei sintomi ben precisi e si manifesta in maniera evidente sul corpo di chi ne soffre: il fisico appare decisamente magro, di una magrezza patologica, la temperatura del corpo è molto bassa. Le persone affette da anoressia possono soffrire di bradicardia, possono lamentare fragilità nelle unghie e nei capelli, oltre che osteopenia, alopecia. Il seno si può ridurre di volume, mentre la pelle diventa secca. Si possono riscontrare ritardi nel ciclo e amenorrea, ipotensione, aspetto debilitato/cachettico.

L'anoressia può anche essere accompagnata da abbuffate di cibo seguite da procedure per eliminarlo, come l'induzione al vomito (in questi casi si parla di anoressia nervosa di tipo bulimico): in questi casi si può notare anche un'erosione dentale causata dal vomito autoindotto, oltre che ipertrofia delle ghiandole salivari. Tra i primi sintomi facilmente visibili, oltre alla drastica riduzione del peso, al rifiuto del cibo e a possibili casi di depressione, riscontriamo anche una colorazione giallo-arancio nel palmo delle mani e nella pianta dei piedi.

Se vengono eseguite delle analisi del sangue, si possono riscontrare delle alterazioni endocrine, con i valori degli ormoni tiroidei, della leptina e della gonadotropine decisamente bassi. Il medico può riscontrare anche anemia, leucopenia con linfocitopenia, ipokaliemia, ipocalcemia, ipomagnesemia, ipofosforemia, alcalosi metabolica, ipoglicemia

Tra i sintomi dell'anoressia tra gli uomini, invece, possiamo notare anche un calo della libido e dell'attività eiaculatoria.

Foto | Getty Images

Via | My personal trainer

  • shares
  • Mail