Love Bonus in Cina per chi trova l'amore in ufficio


Innamorarsi in ufficio e prendere pure dei soldi. Cosa c’è di meno romantico? È la nuova strategia di un’azienda cinese per consolidare i rapporti tra le scrivanie e creare un clima disteso e più proficuo. Per la consegna del premio è stata scelta una data significativa in Cina, ovvero l’11 novembre, il Singles Day, alternativa alla festa degli innamorati. Per intenderci, è il nostro 15 febbraio, San Faustino.

A quanto ammonta il love bonus? Non è una cifra da capogiro, ma può essere sicuramente vista come un premio. Sono stati stimati circa 140 euro, che il datore di lavoro dona al dipendente che dimostra aver voglia di accasarsi. L’obiettivo è quello di invogliare il single a trovare un partner e di conseguenza migliorare l’armonia in ufficio.

È una strana strategia ed è molto distante da quella italiana. Nel nostro Paese, infatti, si tende a dividere amore e lavoro, soprattutto quando si è in ufficio. Si ha timore di ripercussioni in caso fine della relazione (soprattutto se uno dei due è il capo) e di pettegolezzi nell’ambiente professionale. In Cina non è così. Pensate che quest’azienda, per il male d’amore concede ben due giorni di malattia retribuita.

Insomma, cosa non si fa per la felicità dei propri dipendenti. Infine, un ultimo dettaglio sul Singles Day. Negli ultimi anni è diventato così importante da avere uno spazio simile al Natale per gli occidentali. E la scelta della data 11/11 deriverebbe proprio dalla presenza di 4 unità, 4 single appunto, nella data stessa.

Via| Corriere
Foto| Getty Images

  • shares
  • Mail