Social Dieta: la dieta dei social network è utile per dimagrire?

social dieta

La dieta è un vero e proprio problema, c’è chi la deve fare per forza e chi la sceglie per mantenere il suo peso forma. L’iter è sempre lo stesso: si va dal dietologo, s’inizia con entusiasmo, dopo quindici giorni verifichiamo i primi risultati e dopo un mese, persi tre/quattro kili, abbandoniamo il campo di battaglia.

Grazie a TweetWhatYouEat, ovvero “dì ciò che mangi", possiamo condividere la nostra dieta con altri utenti del web. L’applicazione di Twitter è un diario online dove possiamo segnalare i cibi che assumiamo e l’attività fisica che svolgiamo. Il database del programma calcolerà quante calorie abbiamo preso e quante ne abbiamo impiegate. I nostri followers potranno commentare e iutarci ottenere i risultati sperati.

I responsabili del sito affermano che non vogliono sostituirsi a medici specialisti ma assicurano che questo è solo un modo per condividere con gli altri i propri peccati di gola e cercare di tenere sotto controllo il nostro peso forma. C’è da sperimentare questo social network per verificare se la dieta condivisa è più efficace?

Via | New York Times

  • shares
  • Mail