Da 5 anni cerca la moglie portata via dallo tsunami

Yasuo Takamatsu è diventato un sub per cercare la moglie scomparsa da 5 anni durante lo tsunami

La vita a volte ci mette davanti ad un destino davvero crudele, durante lo tsunami giapponese dell’11 marzo 2011 moltissime vite sono state spezzate, famiglie distrutte e amori che sono stati interrotti nel modo peggiore. Rassegnarsi alla perdita della persona amata quando non si sa cosa è successo è impossibile, da un lato c’è la speranza che sia viva, dall’altro le probabilità bassissime anche di ritrovare il corpo. Yasuo Takamatsu ha perso la sua Yuko durante lo tsunami, l’ha cercata ovunque, ha rovistato tra le macerie, su spiagge, foreste e montagne, dopo anni di ricerche ha deciso di continuare a cercare in acqua.

Per anni l’ha cercata nei letti d’ospedale, nelle colline e nelle lande più desolate, ma non c’è stato niente da fare, alla fine si è convinto che l’amore della sua vita fosse stata inghiottita dal mare. Yasuo Takamatsu si è fatto aiutare da un istruttore di immersioni, insieme hanno battuto le profondità del mare facendo vari percorsi e giri diversi, ma ancora nulla. Dal 2013 Yasuo cerca la moglie, a lui si è unito Masaaki Narita, padre di Emi una ragazza che all’epoca aveva solo 27 anni e che era collega di Yuko, ogni volta che possono questi due uomini si mettono la muta e cercano nel mare della baia di Onagawa, sperando di trovare qualcosa delle due donne: un anello, un orologio, qualcosa che sia appartenuto a loro.

Yasuo ha spiegato al New York Times:

“So che è difficile. Me lo aspettavo. Ma è l’unica cosa che posso fare. Non ho altra scelta che continuare a cercarla: solo nel profondo dell’Oceano mi sento vicino a lei”.

Via | repubblica

I Video di Pinkblog

Poker Face

Ultime notizie su Uomini e donne

Tutto su Uomini e donne →