La prostitute di Copenhagen offrono sesso gratis ai politici

A leggere questa notizia qualche politico italiano avrà fatto i salti di gioia. In questi giorni di conferenza sul clima tante sono le polemiche e le proteste, ma una è veramente particolare, soprattutto perché il clima non c’entra niente: le prostitute della città si sono ribellate al provvedimento del sindaco di Copenhagen, Ritt Bjerregaard, che ha inviato ai 160 alberghi che ospitano i politici di tutto il mondo che partecipano al vertice sul clima, una cartolina con questo slogan: "Siate ecosostenibili, non cercate sesso a pagamento".

Il messaggio, tuttavia, è stato perentorio anche nei confronti degli albergatori: “Cari proprietari degli alberghi, vi invitiamo a non fornire contatti o organizzare incontri con le prostitute”.

Da qui è nata la protesta delle “operatrici del sesso” per iniziativa del SIO (Sex Workers Interest Group), di cui fanno parte circa 6000 squillo nella sola capitale danese, che per non perdere clientela e per ribattere al sindaco, hanno lanciato una controfferta: chi si presenterà con la suddetta cartolina riceverà una prestazione sessuale gratis.

Voi, cari lettori di Pink, siete d’accordo con il provvedimento del sindaco di Copenhagen o pensate che un politico deve poter fare quello che vuole?

Via Spiegel Online International

  • shares
  • Mail