• Moda

Chicca Lualdi BeeQueen collezione primavera estate 2015: il rigore degli anni ’60 e le grafiche Paisley

Contaminazioni modellate in un armonia di colori, stampe e grafiche che spaziano da motivi geometrici a moderni Paisley è questa l’ispirazione della collezione primavera estate 2015 di Chicca Lualdi BeeQueen che ha sfilato sulle passerelle di Milano Moda Donna. Qui tutte le immagini

Contaminazioni modellate in un’armonia di colori, stampe e grafiche che spaziano da motivi geometrici a moderni Paisley è questa l’ispirazione della collezione primavera estate 2015 di Chicca Lualdi BeeQueen che ha sfilato sulle passerelle di Milano Moda Donna.

Linee che seguono il rigore anni ’60 negli abitini e nei caban alternandosi ad accenni anni ’70 nei gilet e lunghezze delle gonne, giacche o nei pantaloni dal fondo flare; volumi rivistati in un contemporaneo mix orientato alla sobrietà ma con un’accezione di freschezza, femminilità e carattere understated.

Il tentativo di proporre una moda per scelta pulita ed essenziale, ma non scontata o algida, semplice ma non banale, femminile e raffinata ma non nella accezione comunemente percepita bensì il polveroso o rigido che a volta accompagnano i termini classico e sobrio lasciano spazio ad una creatività fatta di freschezza, gusto ed equilibrio armonioso di colori e volumi; il vezzo diventa la freschezza; il lusso ostentato diventa sostanza di materiali di qualità, fit studiati e tecniche sartoriali; i contrasti forzati per esprimere una moda troppo facile ma improvvisata diventano equilibrio di una moda ponderata con la quotidianità ed il buon gusto con l’intento non di stupire ma di affascinare.

La moda come strumento di creatività fatto non per stupire ma per affascinare nel quotidiano, nella convinzione di un messaggio stilistico in cui l’armonia degli elementi e della qualità ed un fresco rigore reso femminile dal colore attrae più di un contrasto scontato ma forzato e non più contemporaneo.

I colori – bianco e ocra, Tan e geranio, lime e salvia, bianco assoluto. I tessuti – Duchesse jacquard a pattern geometrico, Paisley su lino cotone, lino fiammato, righe di organza e taffetas in un mix di trasparenze e pieni, pelle, stuoie di cotone lino. I volumi – abitini ’60 arricchiti da dettagli come cerniere con frangine, o contrasti di materia o di colore; gonnelloni a mezzo polpaccio proposti in colore pieno o stampe con moderni camicini e blazer, gonne a ruota con baschine a segnare il punto vita con femminilità, camicini maschili con colletto a contrato per rendere più contemporanei shorts e pantaloni in un mix dosato di maschile e femminile. Abiti Lunghi in cotone per un glamour quotidiano fatto di linearità.

In passerella gli occhiali SunBoo by Chicca Lualdi, un mix tra innovazione delle materie ed attenzione all’ambiente nell’uso del bamboo dipinto a mano per occhiali da sole.

QUI potete leggere lo Speciale Milano Moda Donna

All image credit by @CATERINADIIORGI

Chicca Lualdi BeeQueen collezione primavera estate 2015: il rigore degli anni

Chicca Lualdi BeeQueen collezione primavera estate 2015: il rigore degli anni ’60 e le grafiche Paisley

LEGGI ANCHE

Furiosa Fendi Kasia Smutniak: la testimonial a La Rinascente per le sfilate di Milano Moda Donna

Sfilate Milano Moda Donna Settembre 2014: Stefania Bandiera nuovo direttore creativo di Les Copains

Fashion Film Festival Milano 2014: al via la prima edizione durante le sfilate di Milano Moda Donna

Sfilate Milano Moda settembre 2014: Elisabetta Franchi debutta in passerella con la primavera estate 2015

Sfilate Milano Moda settembre 2014: Giorgio Armani ospita Angelos Bratis negli spazi dell’Armani/Teatro

I Video di Pinkblog