Orgasmo perfetto in sole due settimane: orgasmic diet e ginnastica dell'amore

orgasmic diet lindberg
Olio di fegato di merluzzo e cioccolata fondente: il mix fatale per assicurarsi un orgasmo coi fiocchi. Gnam gnam, già mi immagino di far la scarpetta con un blocco di Nero 99% in un piattino di puzzolentissimo olio di pesce.

Pasteggiare a calorie e omega 3 per innalzare i livelli di serotonina e dopamina, a quanto pare è il segreto che la studiosa Marrena Lindberg ha scoperto per risolvere l'annosa questione dell'assenza di orgasmo in alcune donne. Appunti e test li ha raccolti in un libro che sta facendo molto discutere, "The Orgasmic Diet", compendio di dati sugli apporti di carboidrati, proteine e principi attivi da rispettare rigorosamente per aiutare il proprio corpo a superare l'eventuale "apatia" sessuale. Una tavoletta di cioccolata fondente al giorno (!!!) e quattro cucchiani di olio di fegato di merluzzo (bleah!) che tanto era decantato dalle nostre nonne come ricostituente, e ora capisco perchè.

Il tutto completato da ginnastica, non una qualsiasi ovvio, ma LA ginnastica; quella pelvica, da farsi col già discusso Pelvic Toner (le più sportive lo ricorderanno) o, come consiglia il Corriere della Sera, con un simpatico pallone che promette di farci felici.
Insomma, ciccione con alito di pesce e inguine in acido lattico: ma l'orgasmo è assicurato.
Scherzi a parte, una giornalista del Times ha provato la dieta per tutte noi, ma non ne è affatto convinta...

Fra parentesi (quisquiglie) la dose consigliata dalla Lindberg di Omega 3 da assumere giornalmente è 4 grammi. Quello che invece il corpo può assimilare senza problemi è 1,1 grammi. Fatevi due calcoli: si rischia un eccesso di coagulazione del sangue. Oltre alle ovvie conseguenze dovute all'assunzione di 100 e passa grammi di cioccolato al dì.

Qui troverete anche un articolo di cinque pagine del Telegraph di un po' di tempo fa sull'argomento: per le più curiose...è molto divertente.

Perplessità a parte, mai dire mai: la Lindberg è entusiasta dei risultati, che lei assicura tangibili dopo solo due settimane di "trattamento", e non credo sia l'ultima delle sceme, anzi.
Quanta fatica costa, la felicità!

  • shares
  • Mail