Donne ancora davanti ai fornelli: i ruoli non sono cambiati

Uno studio condotto da Immobiliare.it traccia un quadro significativo della casa moderna italiana, di come è vissuta, di come si trascorre il tempo e di come si usa lo spazio al suo interno. Fra tutti i dati raccolti in questo studio, ne spicca uno che per noi risulta molto più significativo degli altri: sembra che, nonostante siano cambiate le tipologie abitative più diffuse, la distribuzione degli spazi in casa, le funzionalità degli arredi e soprattutto il modus vivendi degli abitanti, in realtà fra uomini e donne all'interno delle mura domestiche sia cambiato ben poco rispetto a qualche decennio fa.

Il dato in questione è quello secondo cui le donne passerebbero la maggior parte del loro tempo casalingo in cucina, davanti ai fornelli, mentre gli uomini si rifugerebbero nel loro studio privato. Eternamente separati in casa, ecco cosa sembrano dirci i risultati di questa ricerca: gli uomini e le donne in casa continuano ad avere gli stessi ruoli di prima, continuando ad occupare anche gli stessi spazi di prima. Sembra che nessuna evoluzione sia intercorsa a cambiare le cose.

Perchè? Forse perchè alle donne piace cucinare più che agli uomini. Sarebbe bello se questa fosse veramente la risposta, e forse lo è. Ma la domanda che mi sorge più spontanea di tutte è: perchè non passarlo di più insieme questo tempo casalingo? Perchè davanti ai fornelli non ci si sta in due, magari divertendosi insieme e chiacchierando come se fosse un normale momento di convivialità e condivisione? Perchè i ruoli che stancamente continuano a dividere i due generi, non cercano di sfumare un po' l'uno nell'altro, almeno fra le private mura domestiche?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail