Nathalie Djurberg espone i suoi pupazzi lesbo al Prada Transformer

L’artista svedese Nathalie Djurberg – vincitrice di recente del Leone d’Argento alla Biennale di Venezia (migliore giovane artista alla 53esima esposizione d’Arte) – espone i suoi pupazzi lesbo a Seoul, all’interno del Prada Transformer, l’edificio rotante di Rem Koolhaas.Approfittando della particolarità della struttura l’artista svedese ha creato una sorta di caverna dell’inconscio nella quale video

di robo


L’artista svedese Nathalie Djurberg – vincitrice di recente del Leone d’Argento alla Biennale di Venezia (migliore giovane artista alla 53esima esposizione d’Arte) – espone i suoi pupazzi lesbo a Seoul, all’interno del Prada Transformer, l’edificio rotante di Rem Koolhaas.

Approfittando della particolarità della struttura l’artista svedese ha creato una sorta di caverna dell’inconscio nella quale video e installazioni – al limite del grottesco – richiamano continuamente alla sessualità: bambole che partecipano a un’orgia con altri pupazzi, ragazze di pongo lesbo che fanno l’amore e scene di donne obese che sfoggiano orgogliose la loro nudità.

Dopo il salto un video con le bambole lesbiche della Nathalie Djurberg. I video della Djurberg sono brevi film d’animazione creati con la tecnica dello stop motion e si caratterizzano per la presenza di figure di plastilina.