Condom femminili: la prima distribuzione gratuita a Washington

Washington sarà la prima città americana a distribuire gratuitamente condom "femminili" per contrastare l'AIDS. Nelle prossime settimane saranno regalati 500.000 preservativi per donne, nei centri estetici, nei minimarket e in alcune scuole superiori, laddove si è registrata una maggiore diffusione del virus dell'HIV.

Perchè preservativi per donne? Perchè i classici condom maschili sono stati distribuiti per un decennio, ma non hanno sortito l'effetto sperato; e in secondo luogo, perchè le donne possano decidere di difendersi dal contagio, anche se i loro partner non vogliono indossare il preservativo maschile. "Potere e protezione alle donne", sembra voler dire questa iniziativa.

Sicuramente una proposta concreta e un ottimo pensiero. Ma per arginare una vera e propria epidemia, che rappresenta la principale causa di morte delle donne nere tra i 24 e i 35 anni a livello nazionale, probabilmente non basta regalare un oggetto il cui funzionamento rimane poi un mistero e che, data la meccanica dell'utilizzo, risulterebbe così scomodo che non verrebbe utilizzato pressochè da nessuna "coppia".

Se infatti un uomo scalpita per non utilizzare nemmeno il "normale" preservativo, figuriamoci (concretamente parlando) quali storie potrebbe fare sul momento a una ragazza che si accinge a leggere le istruzioni di un complicato preservativo femminile (che se conosciuto a fondo prima dell'utilizzo invece, mostrerebbe la possibilità di essere indossato anche 8 ore prima di un rapporto). L'idea è buona, ma va coadiuvata da un'informazione capillare e approfondita; in alcune zone di Washington oltre al preservativo femminile, viene offerta anche un'utile guida all'utilizzo. Insieme, bisognerebbe informare bene sui rischi che si corrono. Certo, anche e soprattutto gli uomini, dovrebbero essere responsabilizzati: non basta dare "il potere" alle donne di difendersi, per scaricarsi la coscienza.

Via | WashingtonPost

  • shares
  • Mail