Cambiano i ruoli di uomini e donne: ecco il nuovo ritratto della società



Impegnate a casa e sul lavoro, agguerrite, nevrotiche, instancabili ma soprattutto aggressive femme fatale: questo il ritratto delle donne moderne, con invece grande calo di stile degli uomini riscoperti oggi impacciati corteggiatori, o peggio, pigri e disorientati spasimanti.

Le indagini attuali evidenziano come l’uomo si trovi di fronte a donne sempre più aggressive, un po’ per colpa dello stress (il più grande colpevole del deterioramento di un rapporto amoroso), un po' per la mancanza della vita di coppia, che spessissimo si trovano ad affermare che "i veri uomini sono oramai in via d’estinzione".

A quanto sembra viviamo l’era del tramonto del maschio latin lover, un’epoca in cui l’uomo viene definito come "impedito, troppo passivo, incapace di corteggiare in modo appropriato, indecisi e anche goffi". Ma allo stesso tempo gli uomini si lamentano del gentil sesso e non si lasciano quindi sfuggire qualche attacco alle donne, definendole molto poco seducenti, poco femminili, egoiste e troppo aggressive.

Insomma, le ragazze di oggi fanno scappare gli uomini. Oramai hanno conquistato quasi tutto e la loro vita è cambiata sotto molti profili. Ma l'aumentare dell'aggressività femminile ha penalizzato aspetti fondamentali del maschio, come la forza e il desiderio di proteggere.

Se è vero che le donne sono diventate forse più aggressive, è altrettanto vero che anche gli uomini sono cambiati. Un uomo che non riesce a trovare una compagna si giustifica dicendo che le donne sono troppo aggressive, ma questa è una scusa che invece può coprire altri problemi di insicurezza. Così come quando lei si trova a dovere essere protettiva e materna nei confronti del proprio compagno, il rapporto di coppia rischia di incrinarsi perché vengono meno i ruoli.

"Qualificare le donne come aggressive e gli uomini come poco virili non è che un segnale della nostra paura. In realtà manca la voglia di assumersi le responsabilità e si è incapaci di approfondire le emozioni: ecco perché torna l'aggressività. Insomma, quello dell'aggressività delle donne e della scomparsa degli uomini forti è un paravento, che nasconde la crescente difficoltà di entrare in relazione con l'altro", spiega lo psicologo Stefano Benemeglio, padre dell'ipnosi dinamica e fondatore dell'Accademia internazionale delle discipline analogiche.

Le donne intraprendenti possono anche avere una valenza afrodisiaca, ma sempre più spesso l’uomo fugge quando si trova a vivere il ruolo di preda, proprio perché sente venir meno la sua virilità.

  • shares
  • Mail