Le donne che fingono l'orgasmo, "fingono" anche il dialogo?

Sarebbe addirittura banale ripeterlo ancora, ma oggi lo facciamo perchè ci poniamo un quesito forse nuovo, o forse rimasto troppo a lungo fra le righe non scritte e non dette: molte donne fingono l'orgasmo, per tanti motivi, perchè raggiungerlo è spesso difficile, sfiancante, complicato, lungo...eccetera, eccetera. Lo dicono anche gli ultimi, ennesimi sondaggi, che confermano trend ormai riconosciuti a livello internazionale, con qualche piccola modifica nei dettagli.

Secondo le ultime ricerche il 48% delle donne inglesi finge l'orgasmo almeno qualche volta; una donna su dieci invece finge OGNI VOLTA; il 7% delle donne inglesi ha scaricato il partner per insoddisfazione totale sotto le lenzuola, ma soltanto una su dieci, fra queste, ha detto la verità al povero malcapitato; 9 donne su dieci hanno nuovamente finto, o quanto meno omesso. E questo è il primo dato che deve farci riflettere.

Una donna su cinque rimane in ogni caso insoddisfatta del sesso col proprio partner, il 16% di queste donne a causa del totale disinteressamento maschile ai preliminari, l'11 per la celerità con cui il partner arriva a destinazione. Sempre una donna su cinque ha confessato di pensare a un altro uomo (un attore o molto più spesso un amico "intimo"), mentre è a letto col proprio, per aiutare se stessa nella difficile impresa dell'orgasmo; per il 38% delle donne, un uomo non sa riconoscere la differenza tra un orgasmo vero e uno finto (e come dargli torto? Mica è così semplice avere le stesse prove, seppur scivolose, per l'orgasmo femminile che si ricavano invece da quello maschile!).

Molte donne infine dichiarano di provare imbarazzo nel raccontare al proprio partner le loro difficoltà nel raggiungere l'orgasmo. E questo è il secondo dato che ci deve colpire. Ora, i motivi di un siffatto silenzio possono essere tanti: paura di ferire l'altro, paura di farlo sentire magari "inferiore" perchè soffre di eiaculazione precoce et similia, voglia di evadere da una situazione imbarazzante.

Ma pur con tutte le "giustificazioni" del caso, la domanda che ci dobbiamo porre è: come possiamo accusare un uomo di non capire la differenza tra un nostro orgasmo vero e uno finto, se non proviamo nemmeno a spiegargli una cosa che di fatto, per natura, non gli appartiene? Come possiamo dare sempre la colpa all'uomo di non avverare i nostri desideri, se questi desideri non li esprimiamo a PAROLE, chiare e comprensibili? Il dialogo in una coppia serve anche per questo, se no impariamo tutte a fingere da un video, e tanti saluti. Altrimenti c'è solo una soluzione possibile, per risolvere tutti questi casi di insoddisfazione perenne: la telepatia. E tanti auguri.

Via | DailyMail

  • shares
  • Mail