Pillola che elimina il ciclo, atto secondo: l’approvazione in U.S.A.

Un mese fa avevamo già postato su un argomento di scottante interesse quale la creazione di una pillola che eliminasse totalmente le mestruazioni. C’erano i pro, dettati da un bisogno di non sentirsi schiave e inabilitate dal flusso, e c’erano i contro, che mettevano davanti a tutto la naturalità di certi processi fisici, importanti anche

Un mese fa avevamo già postato su un argomento di scottante interesse quale la creazione di una pillola che eliminasse totalmente le mestruazioni. C’erano i pro, dettati da un bisogno di non sentirsi schiave e inabilitate dal flusso, e c’erano i contro, che mettevano davanti a tutto la naturalità di certi processi fisici, importanti anche per una completezza interiore. La sottoscritta appartiene al secondo gruppo, tanto per la cronaca.

Ieri sia Rai 2 che La Repubblica hanno parlato dell’argomento in concomitanza con la notizia che in U.S.A. si passa ufficialmente dai test ai fatti: è stata approvata Lybrel, della casa farmaceutica Wyeth, una pillola anticoncezionale che, assunta 365 giorni l’anno, dovrebbe garantire la sparizione del ciclo mensile.

I medici che approvano, come leggerete in questo articolo di MedicineNet.com, dicono che non è così terribile come si pensa: quando si assume la normale pillola anti-concezionale si ha già un flusso “fittizio” che eliminato totalmente non dovrebbe causare danni.
Sono questi condizionali che mi turbano: come giustamente dice La Repubblica “comincerà ora il vero periodo di sperimentazione reale sulle cavie finali, sulle donne che sceglieranno di usarla”.

Ultime notizie su Mestruazioni

Tutto su Mestruazioni →