Il nastro adesivo secondo Mark Jenkins

Trovarsi inaspettatamente di fronte a un’istallazione di strada è sempre una sensazione piacevole oltrechè spesso spiazzante. Se poi parliamo di Mark Jenkins, artista di strada dal 2003 ci troveremmo di fronte alle bizzarre e talvolta geniali Tape Sculpture. Le opere proposte anche in versione ‘indoors’ e ‘nature installations’ sono veri e propri calchi di schotch


Trovarsi inaspettatamente di fronte a un’istallazione di strada è sempre una sensazione piacevole oltrechè spesso spiazzante. Se poi parliamo di Mark Jenkins, artista di strada dal 2003 ci troveremmo di fronte alle bizzarre e talvolta geniali Tape Sculpture.

Le opere proposte anche in versione ‘indoors’ e ‘nature installations’ sono veri e propri calchi di schotch i cui soggetti variano dalla bambola, al cane, a intere persone. Nel suo sito oltre a una bella galleria di foto sono presenti alcuni video con i ‘making of’ delle sue opere.

I Video di Pinkblog

Eni: Palazzo Mattei si colora di arancione contro la violenza sulle donne