Annunci strani e uso improprio di oggetti nella vagina

Quando capita di vedere annunci di questo genere, non si può far altro che sorridere (forse per non piangere) pensando che il mondo è bello perchè è vario e che "de gustibus non disputandum est". Potrei andare avanti con tutta una serie di luoghi comuni e/o proverbi provenienti dalla saggezza popolare, che si adatterebbero in qualche modo alla situazione. Ma preferisco che commentiate direttamente voi, leggendo quel che è capitato di leggere a me.

"Ti sei infilata il mio flash drive (dispositivo di memoria esterna del pc) nella vagina. Se stai leggendo, sai che sto parlando di te. Non credo che questa sia una consuetudine per le ragazze della città (Philadelphia), quindi puoi essere soltanto tu. Ci siamo incontrati in un locale a Millcreek, hai detto che venivi da Lancaster. Eri bella, mi piacevi e ti piacevo. Era perfetto, ma dopo...Siamo andati nel mio appartamento, abbiamo guardato The Breakfast Club, che tu non avevi mai visto. Siamo finiti a letto, come previsto, e abbiamo fatto sesso.

Poi io sono andato in bagno e quando sono tornato la scena che mi si è presentata davanti è stata questa: tu nuda davanti al mio pc, che estrai il mio flash drive, lo guardi e poi lo infili nella tua vagina, come un tampone. Sono rimasto senza parole. Ti sei vestita, hai detto che dovevi tornare a casa e te ne sei andata. Il numero che mi hai lasciato non funziona. Sono confuso, vorrei vederti ancora. Vorrei vedere di nuovo anche il mio flash drive. Il tuo nome è Rebecca e hai lunghi capelli biondi. Per favore contattami, io sono davvero una persona comprensiva."

Ora ditemi voi se il flash drive è solo una metafora dei tempi moderni per indicare "cuore" o roba simile, oppure se tutto questo può corrispondere a una realtà inimmaginabile anche in un racconto di fantasia. Certo quel flash drive doveva avere qualcosa di veramente invitante...

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail